In un fiorito prato

Opera details:

Opera title:

L' Orfeo

Composer:

Claudio Monteverdi

Language:

Italian

Synopsis:

L' Orfeo Synopsis

Libretto:

L' Orfeo Libretto

Translation(s):

English Deutsch

Trio details:

Type:

trio

Role(s):

La messaggera / Pastore I / Pastore II

Voice(s):

Soprano / Tenor / Tenor

Act:

2.07

Previous scene: Ahi caso acerbo-1
Next scene: Tu se morta mia vita

Monteverdi: Orfeo Acte 2 excerpts (Harnoncourt)

Singer(s): Cathy Berberian Rotraud Hansmann Lajos Kozma

Concentus Musicus Wien; Nikolaus Harnoncourt, cond. Capella Antiqua München - Konrad Ruhland, dir.

Claudio Monteverdi: Orfeo, favola in musica (1607). Libretto by Alessandro Striggio.

This is Harnoncourt's first recording of Orfeo in 1968.

CD Info:
Playlist:
Rotraud Hansmann, soprano : La Musica, Euridice
Lajos Kozma, tenor : Orfeo
Eiko Katanosaka, soprano : Proserpina, Ninfa
Cathy Berberian, mezzo-soprano : Messaggiera, Speranza
Nikolaus Simkowsky, bass : Caronte
Jacques Villisech, bass : Plutone
Max van Egmond, baritone : Apollo, Pastor 4, Spirito 3
Günther Theuring, countertenor : Pastor 1
Nigel Rogers, tenor : Pastor 2, Spirito 1
Kurt Equiluz, tenor : Pastor 3, Spirito 2

1) Vi ricorda: Orfeo
2) Lassa, dunque debb'io : La messaggera, Pastore I
3) Donde vieni? : Orfeo, La messaggera
4) Ahi, caso acerbo : Pastore Il, Pastore III
------------------------------------

1) Vi ricorda:

Ritornello

Vi ricorda, o boschi ombrosi,
De'miei lunghi aspri tormenti,
Quando i sassi ai miei lamenti
Rispondean fatti pietosi?

Ritornello

Dite, allor non vi sembrai
Più d'ogni altro sconsolato?
Or fortuna ha stil cangiato
Ed ha volto in festa i guai.

Ritornello

Vissi già mesto e dolente:
Or gioisco e quegli affanni
Che sofferti ho per tant' ann i
Fan più caro il ben presente.

Ritornello

Sol per te, bella Euridice,
Benedico il mio tormento:
Dopo il duol si è piu contento,
Dopo il mal si è più felice.


2) Lassa, dunque debb'io

LA MESSAGGERA
Lassa, dunque debb'io,
Mentre Orfeo con sue note il ciel consola,
Con le parole mie passargli il core?

PASTORE PRIMO
Questa è Silvia gentile,
Dolcissima compagna
De la bella Euridice; oh, quanto è in vista
Dolorosa; or che fia? Deh, sommi dei,
Non torcete da noi benigno il guardo.

LA MESSAGGERA
Pastor, lasciate il canto,
Ch'ogni nostra allegrezza in doglia è volta.

3) Donde vieni? :

ORFEO
Donde vieni? Ove vai? Ninfa, che porti?

LA MESSAGGERA
A te ne vengo, Orfeo,
Messaggera infelice
Di caso più infelice e più funesto.
La tua bella Euridice..


ORFEO
Ohimè, che odo?

LA MESSAGGERA
La tua diletta sposa è morta.

ORFEO
Ohimè!

LA MESSAGGERA
In un fiorito prato
Con l'altre sue compagne
Giva cogl iendo fiori
Per farne una ghirlanda a le sue chiome, Quand'angue insidioso,
Ch'era fra l'erbe ascoso,
Le punse un piè con velenoso dente.
Ed ecco immantinente
Scolorirsi il bel viso e ne' suoi lumi
Sparir que' lampi ond'ella al sol fea scorno.
Allor noi tutte sbigottite e meste
Le fummo intorno, richiamar tentando
Gli spirti in lei smarriti
Con l'onda fresca e con possenti carmi;
Ma nulla valse, ahi lassa,
Ch'ella i languidi lumi alquanto aprendo
E te chiamando, Orfeo,
Dopo un grave sospiro
Spirò fra queste braccia; ed io rimasi
Piena il cor di pietade e di spavento.

4) Ahi, caso acerbo :

PASTORE SECONDO
Ahi, caso acerbo, ahi, fato empio e crudele,
Ahi, stelle ingiuriose, ahi, cielo avaro.

PASTORE TERZO
A l'amara novella
Rassembra l'infelice un muto sasso
Che per troppo dolor non può dolersi.
Ahi, ben avrebbe un cor d i tigre o d'orsa
Chi non sentisse del tuo mal pietade,
Privo d'ogni tuo ben, miscro amante.

ORFEO
Tu se' morta, mia vita, ed io respiro?
Tu se' da me partita
Per mai più non tornare, ed io rimango?
No, che se i versi alcuna cosa ponna,
N'andrò sicuro a' più profondi abissi,
E, intenerito il cor del re de l'ombre,
Meco trarrotti a riveder le stelle;
O, se ciò negherammi empio destino,
Rimarrò teco in compagnia di morte.
Addio terra, addio cielo e sole, addio.

CORO DI NINFE E PASTORI
Ahi, caso acerbo, ahi, fato empio e crudele,
Ahi, stelle ingiuriose, ahi, cielo avaro.
Non si fidi uom mortale
Di ben caduco e frale,
Che tosto fugge, e spesso
A gran sal ita i I precipizio è presso.

LA MESSAGGERA
Ma io, che in questa lingua
Ho portato il coltello
Ch'ha svenata ad Orfeo l'anima amante,
Odiosa ai pastori e alle ninfe,
Odiosa a me stessa, ove m'ascondo?

Watch videos with other singers performing In un fiorito prato:

Libretto/Lyrics/Text/Testo:

MESSAGGIERA
In in fiorito prato
Con l'altre sue compagne
Giva cogliendo fiori
Per farne una ghirlanda a le sue chiome,
Quand'angue insidioso,
Ch'era fra l'erbe ascoso,
Le punse un piè con velenoso dente.
Ed ecco immantinente
Scolorirsi il bel viso e nei suoi lumi
Sparir que' lampi, ond'ella al sol fea scorno.
Allor noi tutte sbigottite e meste
Le fummo intorno, richiamar tentando
Gli spirti in lei smarriti
Con l'onda fresca e con possenti carmi,
Ma nulla valse, ahi lassa,
Ch'ella i languidi lumi alquanto aprendo,
E te chiamando, Orfeo,
Dopo un grave sospiro,
Spirò fra queste braccia; ed io rimasi
Piena il cor di pietade e di spavento.

PASTORE I
Ahi caso acerbo, ahi fat'einpio e crudele.
Ahi stelle ingiuriose, ahi ciel avaro.

PASTORE II
All'amara novella
Rassembra l'infelice un muto sasso,
Che per troppo dolor non può dolersi.

PASTORE I
Ahi, ben avrebbe un cor di tigre o d'orsa
Chi non sentisse del tuo mal pietade,
Privo d'ogni tuo ben, misero amante.

English Libretto or Translation:

MESSENGER
In a flowery meadow,
with her other companions,
she was wandering, gathering flowers
to make of them a garland for her tresses,
when a treacherous snake
that was lurking in the grass
bit her in the foot with its venomous fangs.
And lo, immediately her fair face
lost its colour, and in her eyes that lustre
with which she put the sun to shame grew dim.
Then we all, horrified and dismayed,
were around her, seeking to revive
her ebbing spirits
with cold water and powerful spells;
but alas! all was in vain,
for opening her drooping eyes a little
and calling for you, Orpheus,
after a deep sigh
she expired in my arms; and I was left
with my heart full of pity and fear.

FIRST SHEPHERD
Ah, bitter blow! Ah, wicked, cruel Fate!
Ah, baleful stars! Ah, avaricious heaven!

SECOND SHEPHERD
At the bitter news
the unhappy man seems dumb as a stone,
for through excess of grief he cannot grieve.

FIRST SHEPHERD
Ah, he who did not feel pity for your adversity,
wretched lover, bereft of all your happiness,
would surely have the heart of a tiger or bear.