Lo sposo mio

Opera details:

Opera title:

Lucio Silla

Composer:

Wolfgang Amadeus Mozart

Language:

Italian

Synopsis:

Lucio Silla Synopsis

Libretto:

Lucio Silla Libretto

Translation(s):

Deutsch

Recitative details:

Type:

recitative

Role(s):

Celia / Lucio Cinna / Giunia / Lucio Silla / Cecilio

Voice(s):

Soprano / Soprano / Soprano / Tenor / Mezzo-Soprano

Act:

3.12

Previous scene: Anima vil da Giunia
Next scene: Il gran Silla a Roma in seno

Mozart: Lucio Silla, K.135 / Act 3 - 9. "Celia, Cinna non più... Lo sposo mio? Recitativos

Singer(s): Arleen Auger Edith Mathis Júlia Várady Helen Donath Werner Krenn Peter Schreier

Provided to YouTube by Universal Music Group

Mozart: Lucio Silla, K.135 / Act 3 - 9. "Celia, Cinna non più... Lo sposo mio? Recitativos · Peter Schreier · Edith Mathis · Helen Donath · Arleen Augér · Julia Varady · Werner Krenn · Mozarteum-Orchester Salzburg · Leopold Hager

Mozart: Lucio Silla

℗ 1975 Deutsche Grammophon GmbH, Berlin

Released on: 1977-01-01

Composer: Wolfgang Amadeus Mozart
Author: Giovanni de Gamerra

Auto-generated by YouTube.

Libretto/Lyrics/Text/Testo:


SCENA 8
Cecilio, Aufidio, Guardie, e detti


Recitativo
 


GIUNIA

(Lo sposo mio?)
 


CINNA

(Che miro?)
 


CELIA

(E quale arcan?)
 


CECILIO

(Che fia?)
 


SILLA

Roma, il Senato
E 'l popolo m'ascolti. A voi presento

Un cittadin proscritto,

Che di sprezzar le leggi

Osò furtivo. Ei, che d'un ferro armado

In Campidoglio alle mie squadre appresso

Tentò svenare il dittatore istesso.

Grazia ei non cerca. Anzi di me non teme

E m'oltraggia, e detesta. Ecco il momento

Che decide di lui. Silla qui adopri

L'autorità, che Roma

Al suo braccio affidò. Giunia mi senta

E m'insulti, se può. Quell' empio Silla

Quel superbo tiranno a tutt odioso

Vuol che viva Cecilio, e sia tuo sposo
 


GIUNIA

E sarà ver?... Mia vita...
 


CECILIO

Fida sposa. qual gioia...

Qual cangiamento è questo?
 


AUFIDIO

Che fu?
 


CELIA

Lodi agli Dei.
 


CINNA

Stupito resto.
 


SILLA

Padri coscritti, or da voi creco, e voglio

Quanto vergò la mano in questo foglio.

De' cittadin proscritti

Ei tutti i nomi accoglie;

Ciascun ritorni alle paterne soglie.
 


CECILIO

Oh, come degno or sei

Del supremo splendor fra cui tu siedi!
 


GIUNIA

Costretta ad ammirarti alfin

Mi vedi.
 


AUFIDIO

(Ah che la mia rovina

Certa prevedo!)
 


SILLA

In mezzo
Al publico piacer, fra tante lodi,

Ch'ogni labbro sincer prodiga a Silla,

E perchè Cinna è il solo,

Che infra occulti pensier confuso giace,

E diviso da me sospira, e tace?

Fedele amico...
 


CINNA

Ah lascia

Di chiamarmi così. Per opra mia

Tornò Cecilio a Roma. In Campidoglio

Per trucidarti io corsi, e armai non lungi

Di cento anime audaci

E la mano, e l'ardir. Io sol le faci

A danni tuoi della discordia accesi...
 


SILLA

Tu abbastanza dicesti
Io tutto intesi.
 


CELIA

(Dolci speranze addio!...)
 


SILLA

La pena or senti

D'ogni trama ascosa.

Celia germana mia sarà tua sposa.
 


GIUNIA

Bella virtù!
 


CECILIO

Che generoso core!
 


CINNA

E quale, oh giusto cielo, mi s'accende sul volto

Vergognoso rossor? Come poss'io...
 


SILLA

Quel rimorso mi basta,

E tutto oblio.
 


CELIA

(Me lieta!)

Ah premia alfine il mio costante amor.

Della clemenza mostrarti degno,

E di quel core umano la virtù, la pietade...
 


CINNA

Ecco la mano.
 


SILLA

Qual de' trionfi miei

Eguagliar potrà questom eterni Dei?
 


AUFIDIO

Lascia, ch'a piedi tuoi

Grazia implori da te. De' miei consigli,

Delle mie lodi adulatrici or sono pentito...
 


SILLA

Aufidio, sorgi. Io ti perdono.

Così lodevol opra

Coronisi da me. Romani.

Dal capo mio si tolga

Il rispettato alloro, e trionfale;

Più dittator non son. son vostro uguale.

Ecco alla Patria resa

La libertade. Ecco asciugato alfine

Il civil pianto. Ah no, che 'l maggior bene

La gradezza non è. Madre soltanto

È di timor, di affanni

Di frodi, e tradimenti. Anzi per lei

Cieco mortal dalla calcata via

Di giustizia, e pietà spesso travìa.

Ah sì conosco a prova

Che assai più grata all'alma

D'un menzogner e la virtù del core.

English Libretto or Translation:

Not entered yet.