Libretto list

Torvaldo e Dorliska Libretto

Sinfonia

ATTO PRIMO
Bosco confinante col castello d’Ordow. Da un lato
mura del castello con porta praticabile.

SCENA PRIMA
Giorgio si avanza passeggiando, come appostato in
guardia, e spiando di sottecchi verso il bosco.
2     

GIORGIO
È un bel dir che tutto al mondo
Poco o assai si rassomiglia, sì!
Questo mio cervel sì tondo
Non si lascia infinocchiar, sì!
Alla regola, cospetto!
Ecco pronta l’eccezione:
Al bestion del mio padrone
Bestia ugual non si può dar, no!
Se ti guarda, ti vien freddo;
Se ti parla, ti spaventa;
Se ti tocca, e il Ciel ti scampi;
Se poi ride... oh male! male!...
È vicino il temporale,
Ed il tuono è per scoppiar.
Ah l’umor del mio padrone
È un umor che fa tremar.
(esce il coro dei servi dal bosco, ai quali Giorgio:)
Come?... ancora?...

CORO DI SERVI
Non si vede.

GIORGIO
(al capo del coro)
Ma cercasti?...

CORO DI SERVI
Invan cercai.

GIORGIO
Ah, che qui vi son de’ guai!
Io comincio già a tremar!

CORO DI SERVI
Come disse?... vi son guai?...
Non l’arrivo a indovinar.

GIORGIO
(da sé, rammentando l’accaduto nella notte precedente)
Ei mi sveglia avanti giorno...
Certi ceffi avea d’intorno...
Le pistole. - Sì signore.
La mia spada. - Eccola qua.
Alla fine Ormondo viene.
Son vicini?... - Son vicini.
Su, coraggio. - Ehi: bada bene!
Sì, signore. - E se ne va.
Passa un’ora, passan due...
Quando a un tratto un mormorio,
Gridi, colpi, e che so io?...
Ah che il diavol qui ci sta!
Chi capisce quest’istoria
È un grand’uomo in verità.
(al coro)
Ma quei gridi?...

CORO DI SERVI
Chi lo sa?...

GIORGIO
Ma quei colpi?...
CORO DI SERVI
Chi lo sa?...

GIORGIO
Ah cospetto, questa è bella!
Che si pensa? che si fa?

TUTTI
Ritorniamo in sentinella
A veder che nascerà.
(Partono verso il fondo della scena.)

 
      

SCENA SECONDA
Dopo il breve instrumentale analogo entra nella destra
il Duca. Il suo volto è alterato, il vestimento scomposto.
Passeggia la scena a passi frettolosi e con agitazione.
A suo tempo Giorgio col coro; indi Ormondo
con armati.

 
3     

DUCA
Dunque invano i perigli e la morte
Affrontai per colei che m’aborre?
L’ampio fato, l’iniqua mia sorte
La conquista di man mi strappò.
Un rival per mia mano svenato
Nel suo sangue i miei torti lavò:
Ma che val se quel volto adorato
Forse più riveder non potrò?
Empia sorte, mio fato spietato,
Tanti affanni soffrir più non so.
(Resta pensieroso.)

GIORGIO
(al Duca)
Il padrone!... Ben tornato!
Eccellenza...
Ben tornato!... (oibò: è sordo.)

DUCA
(vedendo Giorgio)
La vedesti?...

GIORGIO
Chi?...

DUCA
(sdegnato)
Balordo!

GIORGIO
(ai servi)
È gentil: che ve ne par?
(Entra Ormondo con armati, ai quali.)

DUCA
Ah miei fidi!

ORMONDO e CORO DI ARMATI
Tutto è vano.

DUCA
Né vedeste?

ORMONDO e CORO DI ARMATI
Niente affatto.

DUCA
Oh mie furie!...
Crudo fato!

GIORGIO
È matto, è matto.
Ah, lo detto: il temporale
Già comincia a brontolar!

DUCA
(da sé, ma guardando Giorgio in astrazione)
Si cercherà, si troverà.
Voglio così, così sarà.

GIORGIO
(credendo che il Duca parli con lui)
Si cercherà, si troverà
Se vuol così, così sarà.

ORMONDO
Si cercherà, si troverà
In questo dì nostra sarà.

CORO DI ARMATI
Si cercherà, si troverà
In questo dì nostra sarà.

DUCA
Ah la mia smania - Crescendo va;
Oh mia terribile - Fatalità.

GIORGIO
Ma con chi l’ha? - Qui non si sa
Bella bellissima - Per verità.

ORMONDO
Su via, calmatevi - Per carità.
Il nostro braccio - Per voi qui sta.

CORO DI ARMATI
Su via, calmatevi - Per carità.
Il nostro braccio - Per voi qui sta.
4     

DUCA
(dopo aver passeggiato con agitazione)
Ormondo... La mia gente
Scorra di nuovo il bosco. Va’ tu stesso,
Cerca, interroga, indaga...
E ancor non parti?

ORMONDO
Vado.
(Parte col coro a destra.)

GIORGIO
(Come batte la luna!)

DUCA
(da sé)
Iniqua stella!
Il gran colpo era fatto!...
Ed ora!... oh rabbia!
(Passeggiando e fremendo.)

GIORGIO
(Ah che l’ho detto!... è matto.)

DUCA
L’avviso, l’ora, il loco,
Tutto, tutto è disposto.
Giungono; io volo, si combatte; ei cade,
Io trionfo; e Dorliska,
Dorliska... ah chi sa mai fra l’armi e il fuoco,
Spaventata, smarrita,
Dove sarà fuggita!
Io stesso
Vò scorrer d’ogni intorno;
Pria che tramonti il giorno
Voglio averla in mie man...
costui che vuole?...
Giorgio!

GIORGIO
Ai comandi suoi.

DUCA
(fiero)
Di quanto udisti
Se tu parli, sei morto. Intendi?

GIORGIO
Intendo.
(Di quanto udisti! che mi caschi il naso
Se udii solo una sillaba.)

DUCA
Dunque, io vado.

GIORGIO
(Buon viaggio.)

DUCA
Al mio ritorno...
Senti... ma no... ti basti... se mai...
Non più, servi fedel, gran premio avrai.
(Parte a destra.)

GIORGIO
Ma no... senti... se mai...
Sei morto... ah me meschino!
Che giorno climaterico è mai questo!...
Ah qui v’è del pasticcio. Il mio padrone
Va cercando malanni a tutta possa:
Sì, sì, ne troverà. Corpo di bacco!
A soddisfar l’universal desio
A metterci giudizio son qua io.

(Apre con chiave la porta, ed entra nel castello.)

 
      

SCENA TERZA
Dorliska, indi Carlotta dalla porta del castello.
Dorliska entrando dal bosco in abito da viaggio, con
agitazione e timore.

 
5     DORLISKA
Dove son? chi m’aita?
Ahi lassa?... ove m’aggiro?...
Stanca, oppressa, tremante
Per queste erme campagne
Cerco un asilo invan, che m’assicuri.
(Vedendo la porta del castello)
Ah di quel castello
Pur qui veggo una porta!..
Ah sì, tentiamo;
M’assisti, o ciel pietoso;
Tu proteggi il mio onor,
Là salva il mio sposo.
(Batte più volte, indi vedendo non essere ascoltata)
Tutto è vano; niun m’ascolta;
Ah, Dorliska sfortunata!
Una sposa desolata
Deh, chi assiste per pietà?
Giusto ciel, destin più rio
Chi del mio provò finor?
Ah Torvaldo!... mio diletto!
Dove sei?... dove t’aggiri?...
Tu non odi i miei sospiri,
Idol mio, mio dolce amor!
Ah Torvaldo!... dove sei?...
Idol mio, mio dolce amor!
Più m’ascolta?
Chi m’assiste per pietà?
Ah Torvaldo!... mio diletto!
Dove sei?... dove t’aggiri?...
6     

Ah son pure infelice!
Si tenti un’altra volta.

(Torna a battere con più forza, e Carlotta esce all’improvviso
dal castello.)

CARLOTTA
Ih, ih!.. che fretta mai!..
Ah perdonate!

DORLISKA
Ah per pietà soccorso a un’infelice
Che a voi tutta s’affida e s’abbandona.

CARLOTTA
Ma voi chi siete?...

DORLISKA
Una sposa son io
Misera, desolata
Dal più barbaro caso
Divisa dal più tenero consorte
Che forse per salvarmi ebbe già morte.
(piange)

CARLOTTA
Che sento! ah poverina!
Davver mi fa pietà; cosa vedo!
Impallidisce... Vi sentite male?

DORLISKA
Ah sì!..

CARLOTTA
Su via, coraggio.
Con me venite a ristoravi un poco:
È Giorgio mio fratello
Custode del castello.
Qui siete in casa vostra: non temete;
Lasciate fare a me: ci penso io.

DORLISKA
Misera me! qual fiero stato è il mio!

(Entrano nel castello.)

Sala d’architettura gotica nell’interno del castello.
      

SCENA QUARTA
Giorgio, indi Dorliska e Carlotta.

GIORGIO
Ah il cor me lo diceva!
Diavolo! assalti a mano armata, un morto
Tre feriti... ah cospetto!
Tutto scopersi a tempo... Ah signor Duca!
A Giorgio non si ficca:
Non vo’ trovarmi in guai.
Ah l’affar questa volta è serio assai.
Ma come far? la cosa
Mi sembra diplomatica!
Bisogna Studiar...

CARLOTTA
(entrando in scena)
Giorgio... Giorgio! ah sei qui?...
Vedi questa signora?... poverina!
Questa notte nel bosco fu assalita...

GIORGIO
Nel bosco?

DORLISKA
Ah sì, tremante, sbigottita
Fuggii, dove non so!... ah del mio sposo
Chi mi porge novella?... ah chi sa dirmi
S’ei vive ancor?... Deh per pietà, miei cari...

GIORGIO
Piano, piano, signora.
Questa notte?
Assalita?... ma di grazia, voi chi siete?...

DORLISKA
Nacqui in Polonia. Un giovin cavaliere
M’amò, m’ebbe in sposa; e ieri appunto
Dopo il nuzial convito
Si tornava in città, quando nel bosco
Da un suo rival, che cento volte invano
Chiesto avea la mia mano

GIORGIO
Oh cospetto!
Che sento!... ah maledetto!

DORLISKA
Chi?

GIORGIO
Il Duca.

DORLISKA
Oh ciel! qual Duca?...

GIORGIO
Eh niente, il mio padrone.

DORLISKA
Il tuo padrone?...

GIORGIO
Purtroppo: il Duca Ordoff.

DORLISKA
(sbigottita)
Ahimé! sarebbe
Mai questo?...

GIORGIO
Il suo castello.

DORLISKA
(gettando un grido)
Ah son tradita! Misera me!
(Correndo agitata per la scena.)

GIORGIO
Calmatevi! Sentite!

DORLISKA
No, vo’ partir.

GIORGIO
Sentite....

DORLISKA
Lasciatemi.

CARLOTTA e GIORGIO
Sentite.

DORLISKA
Per pietà.

CARLOTTA e GIORGIO
Ma fermatevi.

DORLISKA
(dibattendosi per partire)
Ah no: crudeli.

 
      

SCENA QUINTA
Il Duca presentandosi fieramente all’improvviso sulla
porta di fondo, e avanzandosi.

 
7     

DUCA
Olà.
(Il Duca nell’avanzarsi riconosce Dorliska. Un
momento di stupore, indi un atteggiamento di estrema
gioia. Poi, ripreso un contegno severo, con un gesto
autorevole ordina a Giorgio e Carlotta che si ritirino.
Essi partono a sinistra.)

Ella... oh ciel!...

DORLISKA
Egli... oh sorte!...

DUCA
No... non m’inganno:
In mie mani!... or son contento!
Tanto orgoglio alfin cadrà.

DORLISKA
Il mio tiranno!
Son perduta!... qual cimento!
Ciel! m’assisti per pietà.

DUCA
(con dolcezza)
Dorliska voi tremate;
Piangete; sospirate;
Lungi il timor, sicura
Dorliska appien qui sta.

DORLISKA
(con nobiltà)
Fra scellerate mura
Virtù non è sicura,
Cessa; tu giuri invano
Onore ed amistà.

DUCA
Dunque?...

DORLISKA
T’arresta!

DUCA
Ascolta.

DORLISKA
Taci; non sento.

DUCA
Stolta!
(Di sdegno, d’affetto
Mi palpita il core:
Ah d’ira, d’amore
Mi sento avvampar.)

DORLISKA
(Quel torbido aspetto
M’agghiaccia d’orrore:
Mi palpita il core,
Mi sento gelar.)

(Dopo una breve pausa Dorliska si muove risolutamente
per partire.)

DUCA
Dove corri, sconsigliata?

DORLISKA
Voglio uscir da queste porte.

DUCA
Oh, la porta è ben serrata!...

DORLISKA
Vo’ cercar del mio consorte.

DUCA
Il consorte?...
(con sarcasmo misterioso, e quasi sfuggendogli di bocca)
Oh sta lontano.

DORLISKA
(atterrita)
Come?... ah parla... per pietà.

DUCA
(fiero)
Vuoi saperlo?

DORLISKA
Ah si!

DUCA
(come sopra)
Paventa!...

DORLISKA
Giusto cielo! ah, dove sta?...

DUCA
(ferissimo)
Egli è morto!

DORLISKA
(getta un grido e sta per mancare)
E morto?... Ah!

DUCA
(Ah, che feci!)

DORLISKA
(con voce fioca)
Chi m’aita?...

DUCA
(avvicinandosi per soccorrerla)
Deh, mia vita!...

DORLISKA
(riavendosi e respingendolo)
Scellerato!

DUCA
Taci, stolta, o amor sprezzato
In furor si cangerà.
Del tuo sposo al sangue odiato
Verserò il tuo sangue insieme.
Forse allor nell’ore estreme
Chiederai, ma invan, pietà.

DORLISKA
Empio, barbaro, spietato,
Mostro reo di crudeltà.
Ah Torvaldo sventurato,
Ti perdei, non v’è più speme!
Noi sarem fra poco insieme:
Il dolor m’ucciderà.
(Dorliska parte agitata per la porta di prospetto, il
Duca l’insegue.)

 
      

SCENA SESTA
Il Duca, indi Ormondo, infine Giorgio. Il Duca rientra,
chiude la porta di prospetto dietro di sé.

 
8     

DUCA
Ella più non mi fugge.
Giorgio!... Carlotta!...
Giorgio!... dove diavolo
S’è cacciato costui?

ORMONDO
(entrando dalla destra)
Signore...

DUCA
A tempo, Ormondo,
Di lei più non si cerchi: amica sorte
La condusse in mia man; tu adesso vola,
Torna nel bosco, occulta
Del notturno mio colpo
Ogni traccia; l’estinto
Fa’ che sepolto sia, corri, t’affretta,
Vola.

ORMONDO
Volo.
(Che vita maledetta!)
(parte)

DUCA
Ormai son giunto in porto: ora si pensi...
(chiamando)
Giorgio!... Giorgio!...

GIORGIO
(dalla sinistra)
Son qua, Eccellentissimo.

DUCA
Il diavol che ti porti.

GIORGIO
Obbligatissimo.

DUCA
Vien qua; poche parole:
Vedesti quella donna?

GIORGIO
L’ho veduta.

DUCA
Non la conosci?...

GIORGIO
Io no.

DUCA
Sappi ch’io l’amo.

GIORGIO
Me l’ero immaginato.

DUCA
Ella m’odia, perché del suo marito
Fui l’uccisor la scorsa notte... io tutto
Già ti svelai: bisogno
Ora ho dell’opra tua.

GIORGIO
Son qua a servirla.

DUCA
Tu devi in questo affare
Esser cieco, esser muto.
Intendi? Intendi?

GIORGIO
Eh ho inteso:
Son uom di questo mondo,
Si fidi ella di me senza riserva.

DUCA
Sì, mi voglio fidar; fa’ che colei
Da tua sorella sia guardata a vista.

GIORGIO
Sì, Signor.

DUCA
Tu procura
Di consolarla, e tratto tratto a lei
Rammenta i sensi miei,
Seconda insomma in tutto il pensier mio.

GIORGIO
Non dubiti, signor, ci penso io.
(il Duca parte a destra)
Davvero è in buone mani. Presto, presto,
Ecco, al Governatore in questo foglio
(cava di tasca una lettera)
Spiegato è il tutto.
A nome del contado
Contro il comun tiranno,
Già stesa era la supplica.
Del nostro Duca la notturna impresa
V’ho aggiunto per postilla
Voglio... vè che bestia!
Io perdo tempo, e massima è l’urgenza;
Presto, presto, mandiam da sua Eccellenza.
Stefano il tagliaboschi.
Farà la forza; un’ora di cammino
E poi siamo a cavallo... ah Duca, Duca,
Vedrai s’io te la ficco. Oh che piacere!
Io sol della grand’opera
Avrò tutta la gloria!
Son proprio degli ingegni la fenice!
Sono una testa degna di cornice.

(Parte a destra)

Facciata anteriore del castello, con gran porta praticabile da un lato.

 
      

SCENA SETTIMA
Torvaldo entra con precauzione, osservando il castello.

 
9     TORVALDO
Tutto è silenzio: il bosco
Tace d’intorno; inosservato e solo
Qui giunsi alfin.
Questo, sì, del mio nemico
È il castello: le mura
Son queste, ahimé, dove l’incauta sposa,
Cercando asilo, a nuovi
Perigli esposta geme!... oh qual per lei
Del talamo la gioia
In dolor si cangiò!... ma, ti consola,
Sposa infelice, io vivo!
Ah se il disegno mio protegge amore,
Fra un istante avrà fine il tuo dolore.
8.660189-90 Torvaldo  &  2006 Naxos Rights International Ltd. Page 8
Fra un istante a te vicino
Rivedrai lo sposo amante:
Un inganno fortunato
Al tuo sen mi guiderà.
Fia deluso il tuo tiranno,
Spezzerò le tue catene,
E all’affanno ed alle pene
Il piacer succederà.
Cara, consolati - Tergi le lagrime
La nostra sorte - Si cangerà.
Ai dolci amplessi - Del fido sposo
Amor pietoso - T’attende già.
10     

Ah ch’io non reggo ai moti
Dell’impazienza mia: taci per poco
O represso mio sdegno.
(guardando verso la campagna)
Ah quanto tarda
Costui!
(giunge un contadino che reca gli abiti pel suo travestimento)
Eccolo: oh sorte!
Finché niun qui m’osserva
Celiam le ricche vesti;
(vestendosi)
A me il berretto...
Il mantello... la scure
La finta barba... invola il resto;
(il contadino parte)
Si tenti or nel castello
Di penetrar;
(cavando di tasca un foglio)
Del simulato foglio
Mi gioverà l’inganno
La dolente mia sposa a trar d’affanno.
(Si avvicina al castello spiando con precauzione.)

 
      

SCENA OTTAVA
Giorgio, indi il Duca.

GIORGIO
(dalla campagna)
Oh son qua; tutto è fatto.
Stefano già galoppa... Chi è colui?...
Ehi, buon uomo, che volete?

TORVALDO
Oh, vi dirò...
Siete voi del castello?

GIORGIO
Certo; son del castello.

TORVALDO
Voi non mi conoscete?...

GIORGIO
Io no.

TORVALDO
(Respiro!)
Io son, già lo vedete,
Del vicin borgo un tagliaboschi. Un foglio
Mi fu dato a portare
Dentro questo castello
A una certa signora,
Che qui la scorsa notte...

GIORGIO
Piano, piano...
(riflettendo)
Una signora?... oibò,
In quel castello non v’è donna alcuna.

TORVALDO
(sorpreso)
Come, non v’è?

GIORGIO
Non v’è.

TORVALDO
Nessuna?

GIORGIO
Oh bella!
Altra donna non v’è che mia sorella.

TORVALDO
Oh me deluso!
Dove sarà?... misero me!... Dorliska...
Mia Dorliska!...
(passeggiando agitato per la scena)

GIORGIO
(da sé)
(Oh cospetto.
Mia Dorliska!... sarebbe?...
Ah qual sospetto!)

TORVALDO
Oh, mia sventura!
Sposa infelice, ove trovarti?...

GIORGIO
(Sposa! Che sento!) ma... per bacco!...
Fidatevi di me, sareste a caso...
(Torvaldo dà un segno di diffidenza)

Fidatevi, vi dico,
Servo un Duca briccon, ma cospettone,
Io sono un uom d’onore.

TORVALDO
Ah sì, mi fido
Di te, mio buon amico;
Io son Torvaldo.

GIORGIO
Che sento! suo marito!
Come va la faccenda? estinto ognuno
Qui vi crede...

TORVALDO
Lo so: nel buio io caddi
Da fiero colpo tramortito al suolo
Per morto
Ei mi lasciò, le traccie
Per seguir di Dorliska; un buon pastore
M’accolse, e questi arnesi
Mi porse a travestirmi; ei pur l’asilo
M’additò della sposa...

GIORGIO
A meraviglia, ed or?...

TORVALDO
Con questo foglio,
Ch’io finsi moribondo aver vergato,
Aveva immaginato
Penetrar, sconosciuto, in queste porte,
Salvar la sposa o incontrar la morte.

GIORGIO
Oh bene! oh bene!

TORVALDO
Ed essa...
Qui non è! Chi sa dove?... ah se per caso
Sapeste mai dov’ella sia celata...

GIORGIO
(additando il castello)
Zitto! là dentro sta la disgraziata.

TORVALDO
(con allegrezza smoderata)
Ella... dunque... oh mia gioia!...

GIORGIO
Ma tacete...
Sentite, non temete.
Io di salvarla appunto
Già concepii l’idea, lasciate fare...

TORVALDO
(per abbracciarlo)
Oh mio benefattor!...

GIORGIO
Zi... zitto... oh diavolo!
Ecco il padron; coraggio;
Secondatemi.

DUCA
(dal castello)
Giorgio.

GIORGIO
(con allegria affettata)
Oh Eccellenza, Eccellenza,
Allegri... di buon animo...
Il morto ha scritto tutto...
Cioè, pria d’esser morto... alla signora
Scrive di propria mano...

DUCA
Che diavol dici, bestia!

GIORGIO
Si, signore,
Ma foglio parla chiaro: eccolo qua.
Via, dammi il foglio, sbrigati.
(Leva il foglio di mano a Torvaldo.)

DUCA
Chi è costui?

TORVALDO
Signore,
Sul far del giorno nella mia capanna
Giunse ferito a morte
Un cavalier incognito.
Pria di morir quel foglio
M’incaricò recare alla sua sposa
Che nel bosco la notte avea smarrita.
Seppi che a questa volta
Fuggendo era venuta...

DUCA
A me quel foglio.
Vediam. Sì; di Torvaldo
Questa è scrittura.

GIORGIO
(da sé)
(Io fremo.)

DUCA
Leggiam.

GIORGIO
(fra sé)
(Coraggio.)
(A Torvaldo)
(Amico! attenti.)

TORVALDO
(da sé)
(Io fremo.)

DUCA
(legge)
“Mia Dorliska, io ti perdo per sempre. Una ferita mortale
fra pochi istanti avrà troncati i miei giorni. Chi ti
reca questo foglio potrà svelarti i miei ultimi sensi. Io
perdono al mio nemico: perdonagli tu ancora.
Dovunque sarai, io te ne prego, io te lo impongo;
rassegnati alla tua sorte. Torvaldo”.
(L’attore avrà cura di marcare con particolar sentimento
le espressioni scritte con diverso carattere.)

 
11     

Ah qual raggio di speranza
Or balena al mio pensiero!
Di piegar quel core altero
Già l’idea gioir mi fa.

TORVALDO
Ah qual raggio di speranza
Spuntar veggo in tanto affanno!
Ah che al mio felice inganno
La fortuna arride già.

GIORGIO
Ah qual raggio di speranza
Mi conforta e m’assicura!
Sento già che la paura
Pian pianino se ne va.

DUCA
Questo foglio...

GIORGIO
Sì, signore.

DUCA
Ei lo scrisse!...

GIORGIO
Sì, signore. Egli.

DUCA
T’accheta.

GIORGIO
Sì, signore.

DUCA
Egli è morto?...

TORVALDO
(sul punto di tradirsi)
Morto?...

GIORGIO
(ripiegando)
Oh certo.

TORVALDO
(riprendendosi)
Morto!

DUCA
Tu il vedesti?...

TORVALDO
Io lo vidi.

DUCA
E promettesti?

TORVALDO
(con entusiasmo, indi riprendendosi)
Alla sposa desolata
Di sua morte sventurata
Qua venirne apportator.

DUCA
(Improvviso assalto e forte
Su, moviamo al suo rigor,
Tu seconda, amica sorte,
Di quest’anima l’ardor.)

TORVALDO
(Ah che smania, oh ciel, di morte:
O mio sdegno taci ancor.
Tu l’istante affretta, o sorte,
Di far pago il mio furor.)

GIORGIO
(a Torvaldo)
(Ve’ che bestia... state forte.
Via, prudenza... che timor!
Tu seconda, amica sorte,
L’ardir mio col suo favor.)

DUCA
(a Torvaldo)
A Dorliska tu n’andrai:
Questo foglio recherai.
Hai capito?

TORVALDO
Sì, signor.

DUCA
(a Giorgio)
Bada bene...

GIORGIO
Signor mio,
Lasci far, ci penso io
A parlarne in suo favor.

DUCA
(fra sé, riflettendo)
(Da quel foglio tutto spero,
Non s’inganna il mio pensiero.
Sulle prime gran furore,
Poi cedendo andrà il dolore:
Rassegnarsi le consiglia,
Piangerà, ma lo farà.
Ei morendo a me perdona,
Ella pur perdonerà
Già si sa di donna in core
Col perdono scende amore...
Ah se amore in lei discende,
S’ella cede un solo istante,
Più non può quest’alma amante
Di sua sorte dubitar.)

TORVALDO
(La vedrò fra pochi istanti,
Sventurata in duolo, in pianti:
Faccio un cenno, ella m’intende;
Dolce gioia in cor le scende;
Quando l’empio fia lontano
Il momento coglierò;
Col soccorso dell’amico
Presto in salvo la trarrò.
Poi verrò contro l’indegno
A saziar l’antico sdegno...
Ah quand’io dell’empio sangue
Questa man vedrò fumante
Del mio fato in quell’instante
Non saprò di più bramar.)

GIORGIO
(Il merlotto è già cascato
Già l’ho mezzo intrappolato;
Ei si fida, e non sa niente
Quel che a Giorgio bolle in mente;
Pria di notte, mascalzone,
Vo’ vederti in gabbia entrar;
Cospetton, son nell’impegno:
Dammi tempo e lascia far.
Tutto è pronto, in men d’un’ora
Il capitano esce fuora...
Ah se in mezzo a questi baffi
Ei va in gabbia un solo istante,
Sulla forca quel birbante
Vo’ vederlo in gabbia ancor.)

DUCA
Dunque...

TORVALDO
Andiamo.

GIORGIO
Andiamo.

TORVALDO, GIORGIO e DUCA
Andiamo.
(Ah, se un colpo fortunato
Or seconda il mio disegno,
Son felice, son beato
No, di più non so bramar.)

DUCA
Hai capito?

TORVALDO
Sì, signor.

DUCA
(a Giorgio)
Tu seconda...

GIORGIO
Penso io
A parlarne in suo favor.

TORVALDO, GIORGIO e DUCA
Andiamo. (etc.)
(Entrano nel castello.)

 
      

SCENA NONA
Ormondo.

ORMONDO
(venendo dalla campagna)
12     

Io non ne posso più. Corpo di bacco!
Dieci miglia avrò corso in men d’un’ora.

Per boschi, per torrenti,
Per sassi e per dirupi
Dove non passerian nemmeno i lupi.
E il morto non si trova. Eh convien dire
L’abbian portato via. Ah, cospettaccio!
Davver che questo affare
Mi dà molto a pensare:
Delle nostre notturne bagatelle
Se va notizia in corte siam perduti.
Già male ha da finir; dice il proverbio:
“Chi la tira la stroppia,
Chi corre inciampa, e chi ne dà ne busca.
La farina del diavolo va in crusca”.
Sopra quell’albero
Vedo un bel pero
Ad ipiparmelo
Avrei pensiero:
Non posso prenderlo,
Come si fa?...
Su... su... su... su...
Su monterò, su.
Il primo salto
È fatto già:
Già sono in alto,
Eccolo qua.
Ma un altro veggone
Un po’ più in su
Di quel ch’ho in mano
Grosso assai più.
Sento il solletico - Dell’appetito
La fame stimola - Cresce il prurito.
Non posso prenderlo - Come farò?...
Su... su... su... su.
Su monterò su.
Ma mentre arrischio
Mentre m’arrampico
Ah... ah... ah... ah...
Ahimé, precipito
Col capo in giù.
(Entra nel castello.)

 
      

CD 2

Appartamenti del castello.

SCENA DECIMA
Dorliska e Carlotta.

CARLOTTA
(seguitando Dorliska, che passeggia smaniosa)
1     

Oh via, signora mia,
Quel duolo omai calmate...
(Che serve? non mi sente:
Davver mi fa pietà.)
Signora perdonatemi...
Adesso a voi pensate...
Calmatevi, sperate...
La sorte cangerà.
Ah non so quel ch’io mi dica!
Giusto ciel, che imbroglio è il mio!
Non piangete, o piango anch’io...
Vi calmate, per pietà.

DORLISKA
Ah Torvaldo sventurato
Deh m’attendi, vengo anch’io!
Ah, che un duolo eguale al mio
No, che al mondo non si dà.
(Si abbandona sopra una sedia.)

SCENA UNDICESIMA
Il Duca, Torvaldo, Giorgio, indi Ormondo, servi ed
armati, e dette.

TORVALDO, GIORGIO e il DUCA
(osservando tacitamente Dorliska)
2     

(Immota e stupida
Fredda, insensibile
Dal duol la misera
Oppressa sta.)

DUCA
(Ah se i miei voti
Seconda amore
Quel suo dolore
Si placherà.)

TORVALDO
(Per poco acchetati
O mio furore,
Il suo dolore
Vendetta avrà.)

GIORGIO
(Per l’infelice
Mi piange il core,
Quel suo dolore
Mi fa pietà.)
(pausa)

DUCA
(avvicinandosi a Dorliska)
Ah Dorliska, il vostro stato
Mi commove, m’addolora...
A quest’alma che v’adora
Deh il credete, per pietà.
(Il suo duol l’opprime ancora;
Non ascolta, non favella...
Ah nel duol mi par più bella,
Nuovo assalto al cor mi fa.)

TORVALDO
La mia smania, il mio trasporto,
Ah frenar più omai non posso;
Deh tu porgi, o amor, conforto
Al mio barbaro penar.

GIORGIO
Mezzo vivo e mezzo morto
Sto tremando a più non posso.
Non vorrei che in mezzo al porto
Qui s’avesse a naufragar.
(Dopo una breve pausa il Duca accenna a Giorgio e a
Torvaldo che si avvicinino a Dorliska. Torvaldo esita,
Giorgio si appressa a lei, e tenta di riscuoterla dal suo
profondo abbattimento.)

GIORGIO
3 Mia signora... a me badate,
E que’ begli occhi spalancate...
(accennando Torvaldo, e cacciandolo innanzi)
Questo degno galantuomo
Dello sposo i sensi estremi
E il voler vi spiegherà.
(al Duca e a Torvaldo)
Non mi sente.

TORVALDO
(Quale inciampo!)

DUCA
Che insensata ostinazione!

GIORGIO
(risoluto, a Torvaldo)
Qua quel foglio, cospettone.
Non temete... ora vedrete
Se la sveglio come va.
(gridandole all’orecchio)
Signorina, questo foglio...
Questo foglio almen prendete:
Chi lo scrisse è il vostro sposo...

DORLISKA
(alzandosi e fissando Giorgio, ma non Torvaldo)
Il mio sposo?...

GIORGIO
(facendole de’ cenni ai quali essa non dà attenzione)
Sì, ei stesso.

ORLISKA
(legge, indi con un sospiro marcato sviene)
Ah!...

TORVALDO
(Ella manca!... oh mio tormento!
Ch’io qui sono ancor non sa.
Ah d’affanno in quest’istante
Palpitante il cor mi sta.)

DUCA
(Del gran colpo ecco il momento!
Sto a veder che nascerà!
D’incertezza in questo istante
Palpitante il cor mi sta.)

CARLOTTA
(Ci mancava un svenimento!
Su coraggio, per pietà!
Dalla pena in quest’istante
Palpitante il cor mi sta.)

GIORGIO
(a Dorliska)
(Fate core, l’amico è qua.)
(Fra sé)
Di paura io sto tremante...
(a Torvaldo)
Ah giudizio, per pietà.
State attenti...
(al Duca)
Lasci fare.
(tra sé)
Palpitante il cor mi sta.

DORLISKA
Ah!
(Dopo un breve momento di silenzio, Torvaldo si avvicina
a Dorliska.)

TORVALDO
4 Su, Dorliska... fate cuore...
Vi calmate!... respirate...
Alle pene ed al dolore
Pronto fine il Ciel darà.
(Dorliska si sarà andata riavendo al suono della voce
di Torvaldo. Alle di lui ultime parole si scuote e lo
mira fisso in volto.)

DORLISKA
(muovendosi con trasporto verso Torvaldo)
Ciel!... qual voce... Ah Tor...

TORVALDO
(di furto)
Ah taci.
DUCA
(avvedendosi dell’azione d’ambedue)
Che?...

GIORGIO
(Ah siam fritti!)

DUCA
(fiero)
Qual sospetto!
Tu chi sei?

TORVALDO
(Destin rubello!)

DUCA
(mettendo la mano alla guardia della spada)
Parla.

TORVALDO
(autorevole)
Indietro.

DORLISKA
(frapponendosi)
Ah sposo mio!

DUCA
(furibondo)
Tu?... Torvaldo?

TORVALDO
(si scuopre)
Sì, son io.
Trema, iniquo traditor.
(Entra Ormondo, e con esso i servi e gli armati del Duca.)

DUCA
(snudando la spada)
Olà... Quell’insensato
Sia di catene avvinto.

TORVALDO
(snudando anch’esso una spada nascosta sotto il manto)
Pria mi vedrete estinto.
Indietro tutti.

DORLISKA
Ah sposo!

TORVALDO
Non sento.

DUCA
Circondatelo.

DORLISKA
Fermatevi.

GIORGIO
(secondando con affettazione i cenni del Duca, e
accennando di soppiatto a Torvaldo, che si calmi)
Salva. Salva...

TORVALDO
Scostatevi!

DUCA
Uccidetelo.

GIORGIO
Salva...

DORLISKA
Nol posso!

TORVALDO
Scostatevi!

DUCA
Uccidetelo.... uccidetelo!

DORLISKA
(frapponendosi)
Me sola, me sola me uccidete!
In me s’appaghi, o barbari,
La vostra crudeltà.

TORVALDO
Iniqui!

DUCA
Traditore!

TORVALDO e DUCA
Mori.

DORLISKA
(arrestando il Duca)
T’arresta!

GIORGIO
(arrestando Torvaldo)
Prudenza!

DUCA
Più non reggo al mio furore
(a Dorliska e Carlotta)
Mi lasciate... traditore!
Vo’ vederlo trucidato,
No, per lui non v’è pietà.

TORVALDO
Ah non reggo al mio furore!
(a Giorgio e Ormondo)
Mi lasciate... traditore!
Vo’ punir lo scellerato,
Mi lasciate, per pietà.

GIORGIO
(a Torvaldo)
Via, quest’arma a me cedete,
Vi fidate... non temete...
(lo disarma)
Mio signore, è disarmato:
Lo vedete, eccolo qua.

DORLISKA
(al Duca)
Ah quel ferro nel mio petto
Vibra, indegno, io tel permetto;
(verso Torvaldo)
Giusto Cielo! sventurato!
Chi lo salva per pietà.

CARLOTTA
Ah fermate... mio signore
Ah fratel... che batticore!
Che fracasso disperato,
Che terrore che mi fa.

DORLISKA e CORO DI SERVI ed ARMATI
(a Torvaldo)
Via fermatevi... tacete,
Via, quell’arma a lui cedete.
(al Duca)
Mio signore, è disarmato;
Lo vedete, eccolo qua.

ATTO SECONDO

Sotterraneo del castello. Scala nel fondo.

SCENA PRIMA
Giorgio con lanterna in mano introducendo nel sotterraneo
vari servi del Duca; indi Torvaldo.
5    

GIORGIO
Bravi, bravi: qua venite;
Niun ci vede: mi seguite.
Qui senz’ombra di sospetto
Parlerem con libertà.

CORO DI SERVI
Qui senz’ombra di sospetto
Parlerem con libertà!

GIORGIO
Qui si tratta, cari amici,
Di salvar que’ due infelici.

CORO DI SERVI
Due infelici...

GIORGIO
Vendicarci in conclusione
Di quel can, di quel briccone.

CORO DI SERVI
Di quel briccone...

GIORGIO
Che ne dite?...

CORO DI SERVI
Due infelici... un briccone...
Siamo qua.
Padron Giorgio, non temete;
Di noi tutto disponete:
Questa barbara oppressione
Una volta finirà.

GIORGIO
Non temete... Disponete...
Finirà!

CORO DI SERVI
Finirà... finirà!

 
6    

GIORGIO
Or ben: già qualche cosa
Vi dissi: il resto or vi dirò;... ma dove
Il nostro prigionier s’è mai cacciato?...
Ah! ah! del nuovo alloggio
Gli appartamenti passerà in rivista:
Eccolo qua.

TORVALDO
(si arresta vedendo i servi)
Amico...

GIORGIO
Parlate pure
Con tutta libertà, senza spavento;
Qui siam tutti per voi d’un sentimento.
(il coro dà segni d’approvazione)

TORVALDO
Dunque...

GIORGIO
In poche parole: la signora
Già di tutto è istruita:
A voi poc’anzi il più feci anche noto;
Attenti dunque al resto:
Sessanta granatieri in nostro aiuto
Qui son tra poco: all’imbrunir del giorno
Dell’arrivo il momento è concertato.
Tutto in armi è d’intorno:
Al comparir di quella brava gente
Un fischio, e immantinente
La campana a martello,
Si spalancan le porte del castello,
I contadini, i granatieri, noi
Insomma, pria di notte il colpo è fatto.
Ah, che ne dite?...

TORVALDO
Il Ciel lo voglia; ma...

GIORGIO
Che ma?...

TORVALDO
Se quel crudele
Attenta alla mia vita?...

GIORGIO
Oh cospettaccio!
Vorrei ben veder questa!
Della prigion le chiavi
Non escon di mie mani; s’ei qui viene
Verrò anch’io, non temete.

TORVALDO
Ah dimmi intanto,
Caro, che fa la dolce mia consorte
In balìa di quell’empio...

GIORGIO
Oh questo poi...
Per bacco! vostra moglie è una donna
Che soggezion non ha di brutti musi.
Or basta; io torno sopra:
Voi state di buon animo.

TORVALDO
Ah, un istante:
7    

Odimi; ah tu di me, mio buon amico,
Dalle novella; dille
Che lei sola ho nel core,
Che sol per lei m’affliggo,
Che a nome ognor la chiamo.
Dille...

GIORGIO
Ho inteso.

TORVALDO
No, ascoltami.

GIORGIO
Sentiamo.

TORVALDO
Dille che solo a lei
Rivolto è il pensier mio:
Dille che sol desio
Vederla, e poi morir.
Morire in sua difesa,
Morir con le mie forze...
No, non parlar di morte;
Risparmia il suo martir.

GIORGIO
Dunque, io vado...

TORVALDO
Ah senti!...

GIORGIO
T’acquieta!

TORVALDO
La mia sposa, i giorni miei
Difendete per pietà.
Ah potessi il braccio mio
Oggi anch’io d’un ferro armar!
Mi vedreste su quell’empio
La vendetta fulminar.

CORO DI SERVI
Non temete; noi quell’empio
Noi saprem per voi domar.

TORVALDO
(a Giorgio)
Dille che l’amo...
Dille che temo...
Dille che bramo...
Vederla e poi morir.

CORO DI SERVI
Non temete; noi quell’empio
Noi saprem per voi domar.

(Partono.)

Appartamento del castello.

 
     

SCENA SECONDA
Duca, indi Giorgio, infine Dorliska dalle stanze a sinistra.
Il Duca viene alla porta di prospetto; indi siede.

 
8    

DUCA
No, pentirsi non giova: il dado è tratto.
Ella sì, sarà mia. A’ miei disegni
A miei disegni chi resister potrà?
Ah no; sia lungi
Ogni inutil timor: colpe, rimorsi,
Nomi vuoti di senso io non vi curo;
Mi chiami il volgo insano
Vile, tiranno, scellerato ed empio:
Vago son io se il mio desir adempio!
Ehi.

GIORGIO
(dalla porta di prospetto)
Pronto a’ suoi comandi.

DUCA
Dorliska a me.

GIORGIO
(in atto di entrare nelle camere a sinistra)
La servo.

DUCA
(richiamandolo)
Ehi. - Bada bene!
Della prigion la porta
Sia chiusa a tutti... intendi?...
O la tua testa...

GIORGIO
Non serve altro; ho capito.
Non dubiti, signor: sarà servito.

DUCA
(verso Giorgio che torna a incamminarsi verso le camere di Dorliska)
Balordo!

GIORGIO
(tornando indietro)
Dice a me?...

DUCA
Bestia!... hai ragione
Ch’ei cadde in mio poter... Se ciò non fosse
Povero te!... ma come al suolo estinto
Io crederlo potei! e come io stesso
Nol riconobbi!...

GIORGIO
(riprendendo coraggio)
Oh certo: io non ne ho colpa.
Mai non l’avea veduto, e poi per bacco
Ad abbordar mi venne
Con certa aria patetica
Con un certo discorso inzuccherato
Che i primi furbi avrebbe intrappolato.

DUCA
Non più: venga costei.
(Giorgio entra nelle camere di Dorliska)
Sì, questo mezzo
È il più spedito: ove dolcezza è vana
Giovi il timor.
(Esce Dorliska accompagnata da Giorgio e da
Carlotta. Il Duca accenna a questi due di partire.
Giorgio parte per la porta di prospetto; Carlotta rientra
nelle camere di Dorliska.)

DUCA
Dorliska; di Torvaldo
È cara a voi la vita?

DORLISKA
(Empio!)

DUCA
Tacete?
Io parlerò per voi.
M’udite, in brevi detti
Chiaro favellerò. Mezzo possente
A me non manca onde ottener disciolto
Il nodo marital, che a mio dispetto
A Torvaldo vi strinse. Ove Dorliska
Consenta ad esser mia
Torvaldo è salvo: ove ricusi, ei muore.
In mia mano riposta è la sua sorte:
Da voi dipende: o dargli vita o morte.

DORLISKA
Che sento mai!
Qual nuovo eccesso! ah iniquo.
Anima rea, più rea di quante al mondo
Anime scellerate...

DUCA
Ad altro tempo
I rimproveri acerbi;
Il tempo è questo
Di risolver.

DORLISKA
Non più: di mie sventure
Tu fosti il primo autor: compi, crudele,
L’opra nefanda, e colpe a colpe aggiungi.
Cada sull’innocente,
Cada, se vuoi, la tua vendetta atroce!
Odio eterno, feroce
Io ti giuro...

DUCA
Rifletti;
Ti pentirai...

DORLISKA
Pentirmi?... ah no!... giammai!

DUCA
Senti...

DORLISKA
Taci, non più, t’intesi assai.
9    

Ferma, costante, immobile
Nel mio pensier son io.
Sempre dell’odio mio,
Sempre sarai l’oggetto!
Quel tuo feroce aspetto
Spavento, orror mi fa.
O Numi clementi,
Che il cor mi vedete,
Fra tanti cimenti
Deh voi mi reggete,
Mi date valor.

DUCA
Dunque?

DORLISKA
Invano.

DUCA
Sconsigliata!
Tu resisti?... Ah tu non sai
Qual t’attende infausta sorte!...

DORLISKA
Parla.

DUCA
Trema!

DORLISKA
E qual?

DUCA
La morte.

DORLISKA
Ah venga una volta,
La morte sol bramo:
La chiedo, la chiamo;
Che tarda? che fa?...
Ah!... morir per caro sposo,
Per serbargli fedeltà!...
Della vita, più gradita
Questa morte a me sarà.
Un istante a un’alma amante
Più felice amor non dà.

DUCA
Pensa!

DORLISKA
Non temo!

DUCA
Rifletti!

DORLISKA
È vano
La morte sol bramo,
Per serbagli fedeltà...

DUCA
Pensa...

DORLISKA
La morte sol bramo,
Che tarda? che fa?
Ah!... morir per caro sposo, ecc.

(Parte.)

 
     

SCENA TERZA
Duca, indi Giorgio.

 
10    

DUCA
Insensata!... e non vede
Che a me resiste invan!...
(passeggia pensieroso)
Giorgio!

GIORGIO
Signore.

DUCA
Al suo ritorno,
Ormondo venga a me.
Nelle mie stanze
L’attendo. Ehi, tel ripeto:
Della prigion le chiavi
Non escan di tue mani.

GIORGIO
Oh, sia tranquillo:
Eccole qua.
(le mostra alla sua cintola)

DUCA
Bada: se il cenno mio
Da te d’un punto solo è trasgredito
La tua testa va in aria.

GIORGIO
Eh! ho già capito.

(Il Duca parte.)

 
      SCENA QUARTA
Giorgio, indi Carlotta.
GIORGIO
Va’ là, che vuoi star fresco!
Ah se il colpo riesce
La via da veder è bella!
(Giunge Carlotta.)
CARLOTTA
Giorgio!... Giorgio!...
GIORGIO
Sorella.
CARLOTTA
Deh, per pietà
Tu che lo puoi
Consola la povera signora.
GIORGIO
In qual maniera?
CARLOTTA
Lascia che ella parli
Un sol momento
Al prigionier.
GIORGIO
Sei matta?... Ah, questo poi!...
CARLOTTA
Dunque,
Morta, o crudel
Vederla vuoi?
GIORGIO
Morta no...
CARLOTTA
Dunque cedi, ella si muore
Se un istante
Delle carceri le chiavi
Tu non le dai...
GIORGIO
Ah se per caso,
Il Duca...
CARLOTTA
Non saprà nulla.
Odi, per pietà...
GIORGIO
Non vorrei...
CARLOTTA
Presto! presto!
GIORGIO
Eccole qua.
Ma bada!...
CARLOTTA
Tel ripeto: tutto andrà bene.
Spero che finiran le nostre pene.
11    

Una voce lusinghiera
Risuonar m’intesi in core,
Che diceva: “spera, spera,
Il destin si cangerà”.
Ogni affanno, ogni dolore
Presto, presto passerà.
Via! Via, non temere - Ci sbrigheremo
Non parleremo - Non si saprà.
(a Giorgio)
Non dubitare - Presto torniamo.
(a Dorliska)
Facciamo un’opera di carità.
(Mi vien da piangere - Non posso reggere,
Povera diavola - Mi fa pietà.
Son troppo tenera - Troppo sensibile
Verso la misera - Umanità.)

 
      SCENA QUINTA
Giorgio, indi il Duca.
12    

GIORGIO
Non so se ho fatto bene,
Non so se ho fatto male: orsù; che serve?...
Or pentirsi non giova; alfin tra poco
Sarem tutti felici.
Non v’è più che temer.
Tutto è disposto;
La notte s’avvicina:
Da bravo generale
Ho tutti ispezionati
I miei posti avanzati:
Sentinelle per tutto: ah se il gran colpo,
Se il gran colpo riesce, in verità
Duca mio caro... oh diavolo! egli è qua.

(Il Duca sarà entrato senza che Giorgio se ne avvedesse
e si sarà posto a sedere pensieroso.)

 
     

DUCA
(alzandosi)

Ah non posso! invan lo spero!
Non m’inganna il mio pensiero.
Finché ei vive, tento invano
Un istante respirar.
Tutto è pronto: ferro e mano;
Saria colpa il dubitar.

GIORGIO
Ah che cera d’uomo tetro!
La burrasca pian pianino
Io già sento borbottar.
Tace... freme... o, Dei, che occhiate!
Sarà meglio piano piano
Con prudenza il tacco alzar.
(In atto d’andarsene.)

DUCA
Così si faccia.
...Giorgio.

GIORGIO
Signore.

DUCA
Della prigione
Le chiavi a me.

GIORGIO
Le chiavi?... (o diavolo!) - Ecco... ah ci sono!
(Ah, chi mi salva?... - Povero me!)

DUCA
Ebben?...

GIORGIO
(imbarazzato)
Le cerco.
(fingendosi ricordarsi)
Ve’ che balordo.
Nella mia camera - Or mi ricordo
Dentro un armadio - Chiuse le avrò.
Ma non temete... -
(sforzandosi mostrar franchezza)
Oh ve lo giuro,
Nelle mie mani - Sono sicuro:
Nemmeno il diavolo - Trovar le può.

DUCA
Presto. Le voglio.

GIORGIO
Vado. (Che imbroglio!
Ah se potessi - Fuggir di qua!)
(Incamminandosi verso il fondo della scena.)

DUCA
(avvedendosene)
Ma tu cospetto - Or là che fai?...
Alla tua camera
(additando la destra)
Di qui si và.

GIORGIO
Ah è ver! che bestia - Vado e ritorno.
(Qui non v’è uscita - Come si fà?)

DUCA
Ebben? Le chiavi!

GIORGIO
(Fortuna aiutami - Per carità.)
(Entra. Il Duca resta pensoso per qualche momento:
indi rivolto di spalle alla camera dove entrò Giorgio.)

DUCA
Sì, ch’ei muoia. Ormondo, Ormondo
Vibri il colpo in mia presenza
Sì, ho deciso.

GIORGIO
(gettandosi ai piedi all’improvviso)
Ah Eccellenza...
Compatite... perdonate...
(rialzandosi)
Ah pettegola... fraschetta...
Non ne ho colpa... ah maledetta!...

DUCA
Tu che dici?... io non t’intendo!

GIORGIO
Ah!... le chiavi... ahimé... perdono!...

DUCA
(sdegnato)
Che?... le chiavi?...

GIORGIO
...Non ci sono.

DUCA
Chi le ha prese?...

GIORGIO
Mia sorella...

DUCA
(fiero)
Non ci sono!... tua sorella?...
(afferrandolo)
Ah canaglia, mascalzone,
Traditore, vien con me.
Se s’avvera il mio sospetto
Ti vo’ far sotto un bastone
Accoppato, disossato,
Stritolato; all’altro mondo
Per le poste galoppar.

GIORGIO
Ma sentite... (maledetto!)
Me meschin! un bastone?
Accoppato? disossato?
(Ah da questo furibondo
Chi mi viene ora a salvar?)
(Partono per la porta di prospetto. Il Duca trascinerà
Giorgio con violenza.)
Carcere.
     

SCENA SESTA
Torvaldo e Dorliska, in atto di dividersi, e Carlotta.

 
13    

DORLISKA
Dunque tu vuoi ch’io parta?

TORVALDO
Sì, l’esige
La tua, la mia salvezza.

DORLISKA
Ah che in lasciarti
Sento squarciarmi il core: in questo stato,
In dubbio di tua sorte,
Fra speranza e timor, pena e desio,
Ah spiegarti non so l’affanno mio.
Quest’ultimo addio
Ti parli per me.

TORVALDO
Ah taci, ben mio
Io tremo per te.

DORLISKA
Che istante funesto!

TORVALDO
Che affanno è mai questo!

DORLISKA e TORVALDO
L’affanno di morte
Più crudo non è...

 
14    

CARLOTTA
Ma via, signori miei
Finiamola una volta: affé, se il Duca
Sa che quivi vi ho condotta
E il diavol qua lo porta in sua malora,
Povera me! quell’orco mi divora.
(Sempre in atto di spiare verso la porta.)

DORLISKA
Dunque...

TORVALDO
Non più, coraggio.
L’amico Giorgio pria che il sol tramonti
Ne promette salvezza. Al Ciel si lasci
Di noi la cura. Il Ciel clemente e giusto...

CARLOTTA
(da lontano)
Ah disgraziata me!

TORVALDO
Che?...

CARLOTTA
(spaventata)
Il Duca!... ah ch’io lo dissi!

TORVALDO
Che sento!

DORLISKA
Giusto Cielo!
Miseri noi!

TORVALDO
Coraggio.

CARLOTTA
Io son di gelo.

 
     

SCENA SETTIMA
Il Duca, trascinando con violenza Giorgio ed entrando
impetuosamente, indi Ormondo con armati.

 
     

DUCA
Alme ree!... tremate!... invano
Di fuggirmi omai voi tentate;
Sciagurati, traditori,
Vi raggiunse il mio furor.
(a Dorliska)
Voi signora, in queste porte?
(a Torvaldo)
Tu fuggirmi?...
(a Giorgio e Carlotta)
Voi tradirmi?
Miei nemici tutti siete,
Qui morir tutti dovrete:
Sazierete il mio furor.

DORLISKA
Ah signor, la rea son io,
Tutto il fallo, ah tutto è mio:
Mi credete, vi calmate,
Non per me, per lui pietà.

TORVALDO
Non è ver,
Mi credete, m’ascoltate,
Non per me, per lei pietà.

DUCA
(a Dorliska)
Con que’ pianti lusinghieri
Di sedurmi invan tu speri;
Alme inique, scellerate
No, per voi non v’è pietà.

GIORGIO
Ah di me non vi scordate,
Ah signor, per me pietà.
Ah l’affar per me s’imbroglia!
Tremo già come una foglia!

CARLOTTA
Ah sentite! vi calmate!
Ah signor, per noi pietà!
Che impensato avvenimento!
Che paura! che spavento!

DUCA
(a Dorliska)
Vieni... vieni!

DORLISKA
O, numi!

TORVALDO
Ferma.... ferma!

DUCA
Invano.

TORVALDO
(fiero)
Indietro!...

DUCA
(avventandosi, a Torvaldo)
Tu resisti?... indegno.

GLI ALTRI
Ferma.
(S’ode il suono d’una campana a martello.)

DUCA
Qual suono è mai questo!...

GIORGIO
(con eccesso d’allegria e fuor di sé)
Evviva!... ci siamo! Gli amici son qua!
(a Torvaldo)
Il gioco fra poco finito sarà.

DUCA
(avvedendosi dell’allegria di Giorgio)
Gioisci?... e d’onde?... oh rabbia!
Mori, iniquo traditor.
(investe Giorgio con la spada nuda)
(In questo esce il coro con Ormondo.)

ORMONDO e CORO D’ARMATI
Presto, signore, - Presto, correte,
Vi difendete - Per carità.

DORLISKA e TORVALDO
Ecco il momento! - Che smania io sento!
Quai colpi orribili - Suonan d’intorno!
Ah dalla sorte - Di questo giorno
La nostra sorte - Dipenderà.

DUCA
Che avvenne mai?

ORMONDO
Ah vi son guai!
Tutto il villaggio - Vi chiede a morte;
I vostri servi - Apron le porte,
Cento soldati - Già sono entrati
E si combatte - Senza pietà.

DUCA
Che sento!... oh rabbia!... -
(strappando dalle mani di Carlotta le chiavi, e dandole
a Ormondo.)
Tu prendi. Io volo.
(a Ormondo)
Tu resta in guardia - Di queste porte:
Salvami, o sorte, - O mio valor.
Non giubilate - Di me tremate,
Fra pochi istanti - Farò ritorno,
Il vostro sangue - In questo giorno
La mia vendetta - Saziar dovrà.
(Parte il Duca con Ormondo e gli armati.)

 
     

SCENA OTTAVA
Torvaldo, Dorliska, Giorgio, Carlotta, indi Ormondo.

 
15    

DORLISKA
Ah di noi che sarà?...

TORVALDO
Mia cara, omai io più non temo.

GIORGIO
Oh anch’io:
Ma ancor non dico quattro; eccoci intanto
Nella trappola tutti.

ORMONDO
(inginocchiandosi innanzi a Torvaldo presentando le
chiavi e la sua sciabola)
Ah miei signori,
Salvatemi la vita: ecco le chiavi,
Ecco armi se volete;
Difendetevi pur; ma...

TORVALDO
Sì, le chiavi;
Quell’armi a me.

DORLISKA, CARLOTTA e GIORGIO
Ma dove?...

TORVALDO
In un istante
Qui son fra voi; finch’io ritorno...
(Accenna a Giorgio di assister Dorliska, e parte.)

DORLISKA
Oh cielo!

GIORGIO
Non serve altro.

DORLISKA
Ahi Torvaldo!

CARLOTTA
Oh che paura!...

DORLISKA
Cresce il romore.

CARLOTTA
Ah dove ci salviamo?...

CORO DI CONTADINI
(di dentro)
Dagli, dagli.

GIORGIO
Cospetto!...

DORLISKA
Ahimè!...

ORMONDO
Ci siamo.

SCENA ULTIMA
Il Duca entra precipitosamente difendendosi da
Torvaldo e da gran numero di contadini e soldati, che
l’inseguono armati.

 
17    

TORVALDO
Cedi, cedi!
DUCA
Indietro, indietro!

TORVALDO
(disarma il Duca)
T’arrendi; sei vinto.

CORO DI CONTADINI
Morte, morte al crudele, al tiranno;
Morte, morte a quel vil traditor.

DUCA
Oh furor!...

TORVALDO
Di catene sia cinto.

CORO DI CONTADINI
Morte, morte!

DUCA
Ah qual voce d’intorno rimbomba?...
Che m’accadde?... ove son?... chi m’aita?...
Ah qual gelo sull’alma mi piomba,
Che mi agghiaccia d’insolito orror?...
Io fra’ ceppi!... ah spietata mia sorte!
Né m’uccide la rabbia, il furor?...
Per pietà, mi traete alla morte,
Del mio fato compite il rigor.
Cento larve già intorno mi stanno;
Mille furie straziando mi vanno,
Ah, la cruda spietata mia sorte
D’ogni morte mi sembra peggior.

CORO DI CONTADINI
Morte, morte al crudele, al tiranno
Morte, morte a quel vil traditor.

DUCA
Cento larve già intorno mi stanno;
Mille furie straziando mi vanno,
Ah la cruda spietata mia sorte
D’ogni morte mi sembra peggior.

CORO DI CONTADINI
Traditor!... Traditor!
Morte, morte al crudele, al tiranno
Morte, morte a quel vil traditor.
(Il Duca parte circondato da’ soldati.)

GIORGIO
(ai soldati che lo conducono)
Per bacco, seguitatelo, tenetelo
Legatelo ben stretto:
Non lo fate scappare!
Poter del mondo:
Ancor mi fa tremar.

 
18    

DORLISKA e TORVALDO
Grazie al destin pietoso
Noi siam felici appieno,
Deh vieni a questo seno,
Ah, cessa di palpitar.
Ah, dal contento
Mi brilla il core
Dolce momento
Giorno di giubilo,
Giorno d’amore.

GIORGIO
Or son contento
Mi brilla il core
Più bel momento
Piacer più nobile,
Non v’é più ancor!

TUTTI
Ah, dal contento
Mi brilla il core.
Giorno di giubilo,
Giorno d’amore.


F I N E