Libretto list

Stiffelio Libretto

Stiffelio

Prima esecuzione assoluta il 16.11.1850, Teatro Grande, Trieste

Opera in 3 atti, musica di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave, da Le Pasteur, ou L'Évangile et le Foyer di Émile Souvestre e Eugène Bourgeois

 


XIX secolo, Austria, Castello di Stankar, sul fiume Salzbach

STIFFELIO; an Assasverian minister; Tenor, also known as Rodolfo Müller.
LINA; his wife; Soprano.
STANKAR; Lina's father, an elderly colonel and Count of the Empire; Baritone.
RAFFAELE; a nobleman of Leuthold; Tenor.
JORG; an elderly minister; Bass.
FEDERICO DI FRENGEL; Lina's cousins; Tenor.
DOROTEA; Lina's cousins; Mezzo-Soprano.
FRITZ; a servant; Non-singing role.







Atto I


 


Scena I

Sala terrena nel castello del conte di Stankar; nel fondo una porta nel centro, con finestra a sinistra dello spettatore, un camminetto ardente a diritta. Davanti la finestra, verso la metà  della scena; una gran tavola con varii libri, tra i quali uno piuttosto grande legato in tutto lusso con fermaglio chiuso a chiave. L'occorrente per iscrivere.

JORG
(seduto presso la tavola, leggendo.)
Oh santo libro, oh dell'eterno Vero
Ispirate profetiche parole! . . .
(Chiude il libro e s'alza.)
Sequi, Stiffelio, e tua parola sia
Tempesta che distrugge, onda che ingoja,
O fologore che attera
Pei nemici di Dio su questa terra.
Ei vien . . . la sposa è seco. Ah voglia il cielo
Che l'amore non sia d'inciampo al zelo!

(Stiffelio, al cui braccio è Lina, Stankar,
Raffaele, Federico, Dorotea.)

STIFFELIO
Tra voi son io . . . mia, sposa, amici! . . .

JORG
Stiffelio . . .

STANKAR
Figlio . . .

TUTTI
Come felice
Tutti godiamo per tal ritorno!
In ogni core vivrà  tal giorno.
Ognun qui v'ama.

DOROTEA
Un battelliere
Qui fu più volte . . .

STIFFELIO
E m'ha cercato?

DOROTEA
Sì.

STIFFELIO
Desso è Valter; il buon nocchiere
Su strano caso m'ha consultato.

TUTTI
Saper possiamo che vi narrò?

STIFFELIO
Oh sì, ripeterlo ei non vietò.
Di qua varcando sul primo albore
Una finestra ei vide aprire,
E come colto da gran terrore
A quella un giovane poi comparire.

STANKAR
(Oh mio sospetto!)

RAFFAELE e LINA
(Oh ciel, che sento!)

JORG
Deh proseguite!

TUTTI
Strano è l'evento!

STIFFELIO
Era una donna a lui dappresso
Che fuor di senno quasi parea . . .
Egli esitava, ma poi l'eccesso
Dello spavento vincer dovea;
Sulla finestra ratto montò,
E giù nell'onda precipitò.

STANKAR
Son quanti giorni?

STIFFELIO
Otto.

LINA
(Gran Dio!)

RAFFAELE
(Fu testimone del caso mio!)

TUTTI
Era il fuggente riconosciuto?

STIFFELIO
(traendo di tasca un portafogli)
No, questi fogli solo ha perduto.

TUTTI
Vediamo?

LINA e RAFFAELE
(Cielo!)

STANKAR
Che ne farete?

STIFFELIO
Per consegnarli, legger dovrei,
Rea tresca allora discoprirei . . .

JORG
Ebben?

LINA e RAFFAELE
(Che fia?)

TUTTI Che risolvete?

STIFFELIO
(Getta alle fiamme il portafogli.)
Ardan col nome del seduttor.

LINA e RAFFAELE
(Cielo, respiro!)

TUTTI
(Sublime cor!)

STIFFELIO
Colla cenere disperso
Sia quel nome e quel delitto;
Dio lo disse, Dio l'ha scritto:
Al fratel s'indulgerà .

LINA
(da sè)
(Ah mercè, mercè, gran Dio,
Ti commosse il mio dolore!
S'or fui salva, in altro errore
L'alma più non ricadrà .)

RAFFAELE
(a Lina)
(Simular, mentire è d'uopo . . .
Un colloquio da voi voglio . . .
In quel libro porrò un foglio,
Ch'ora e loca vi dira.)

STANKAR
(da sè)
(O Leuthold, all'onor mio
Nella figlia tu attentavi!
Ma, se è ver che lo macchiavi,
Il tuo sangue il tergerà .)

JORG, DOROTEA, FEDERICO
(Ah perfino la memoria
Ei disperde dell'errore!
D'evangelico pastore
La virtude in cor gli sta!)

(Amici e Partigiani di Stiffelio)

CORO
(di dentro)
Viva Stiffelio! Viva!

STIFFELIO
Che fia?

JORG
(guardando dalla finestra)
Festosa arriva
Schiera d'amici a te.

STIFFELIO
Che von'?

STIFFELIO
Vedervi.

CORO
(entrando)
Ov' è?
A te Stiffelio un canto
S'innalza da ogni core;
Sei di Lamagna vanto,
Del vizio fugatore.
Giustizia, amor fraterno
Diffondi sulla terra,
Pel santo Vero eterno
Combatti l'aspra guerra.

CORO, JORG, FEDERICO, DOROTEA
Dal campo, dal convito,
Dall'aula, dall'altare,
Tuo nome all'infinito
Tra noi risuonerà .

STIFFELIO
Fratelli, a Dio soltanto
Dovete laudi alzare;
Un'eco allor quel canto
Nell'universo avrà .

LINA
(da sè)
(Da qual rimorso atroce
Mi sento lacerare!
Di sua virtù la voce
Più rea mi griderà .)

STANKAR
(da sè)
(Cotal virtù un rimorso
Se potrà  in lei destare.
D'un padre avrà  il soccorso,
Che sempre vegilerà !)

RAFFAELE
(da sè)
(Cotal virtù un rimorso
Dovrebbe in me destare;
Ma poco è un primo sorso
Libar di voluttà !)

(Lina si abbandona sulla sedia presso la tavola,
gli altri tutti seguono Stankar nelle stanze a destra.)

STIFFELIO
(Non ha per me un accento! . . . Non un guardo!)
Soli noi siamo alfine . . .

LINA
Rodolfo . . . Oh perdonate! Mal s'avvezza
A chiamarvi Stiffelio il labbro mio:
(S'alza)
Rodolfo Müller: egli è il dolce nome
Col quale vi chiamai la prima volta,
Che qui, fuggente la nemica rabbia,
V'accoglieva mio padre.

STIFFELIO
Quanto infelice fui da te lontano!

LINA
Pur di trionfi il mondo
T'era splendido tanto e di piaceri!

STIFFELIO
Piacer! . . . t'inganni, tu con me non eri.
Vidi dovunque gemere
Oppressa la virtude,
Vegliardi vidi e giovani
Del vizio in schiavitude;
Vinto dall'oro il merito,
Delusa la giustizia,
E in mare di nequizia
Vagar l'umanità .

LINA
Cielo, che orror!

STIFFELIO
Le ingenue
Custodi del pudore,
Le donne, rotto il vincolo
Del coniugale amore . . .

LINA
Ah! . . .

STIFFELIO
Ben lo so, perdonami;
Il quadro è troppo orrendo . . .
Ma ti rivedo, e apprendo
Che ancor v' è fedeltà .

LINA
Che dite mai, Stiffelio!

STIFFELIO
Il ver . . . Guai se ingannato! . . .

LINA
È grande la vost'anima,
Avrebbe perdonato.

(Lina si confonde.)

STIFFELIO
Ah no, il perdono è facile
Al core non ferito;
Ma occulto sta nell'anime
Tesoro indefinito,
Che nulla mano infrangere
Impunemente può.
Ma . . . lagrime ti grondano! . . .
Tu tremi! . . . non m'inganno;
Ti cruccia ascoso affano.
Parla al tuo sposo.

LINA
No.

STIFFELIO
No! . . . dunque allor sorridimi;
Oggi del nostro imene
Ricorre la memoria . . .

LINA
Lo so . . . (Che orrende pene!)

STIFFELIO
Dal cielo benedivane
Oggi la madre mia . . .

(Le prende la mano.)

LINA
Ah! . . .

STIFFELIO
Non c' è più! . . . Rispondere
V' è duopo . . . che ne feste?

LINA
L'anello? . . .

STIFFELIO
Sì . . . parlatemi . . .
L'anello a chi lo deste?
(Lina piange e si copre il volto
con ambe le mani. Cupo con ira.)
Ah v'appare in fronte scritto
Qual rimorso vi fa guerra!
Figlio è solo d'un delitto
Quel silenzio accusator!
Ah ch'io cada fulminato,
M'inabissi pur la terra!
Su me scagglisi il creato
Se mi colse il disonor!

LINA
Mi disanima, m'attera
Così insolito furor

STANKAR
(improvvisamente dalla destra.)
Müller

STIFFELIO
Che?

STANKAR
Gli amici attendono . . .

STIFFELIO
Mai per me un istante avrò!

STANKAR
Ma qual'ira!

STIFFELIO
Perdonatemi . . .
Andiam.
(a Lina)
Tosto qui verrò.

LINA
Mi disanima, m'atterra
Così insolito furor.

STIFFELIO
Ch'io cada fulminato,
M'inabissi pur la terra!
Su me scaglisi il creato
Se mi colse il disonor!
STANKAR
La disanima, l'atterra
Così insolito furor!

(Stiffelio e Stankar partono.)

LINA
(sola)
Tosto ei disse! . . . Ah son perduta!
Quai discolpe usar potrei?
Il rimorso mi fa muta,
Un accento non avrei.
Questa misera tradita
Niuno in terra può salvar.
A te ascenda, o Dio clemente,
Il sospiro, il pianto mio . . .
Tu perdona, o colla vita
Possa l'onta cancellar!
Verrà  . . . dovrò risponder! Che risponder?
Confessar forse? . . . Ah no! . . . scriver fia meglio.
(scrivendo)
"Rodolfo!" . . . Ciel non posso! . . .

(Stankar dal mezzo)

STANKAR
(da sè)
(Io tutto vo'saper . . .)
(vedendola)
(Ah!)

LINA
(Non è questo
Che dir gli vo'.)

STANKAR
(Si avvicina pian piano a Lina
e pone la mano sulla carta.)
Una lettera!
Al signore di Leuthold scrivevate!

(S'impadronisce del foglio.)

LINA
(spaventata)
Io?

STANKAR
(leggendo)
Silenzio! . . . "Rodolfo! . . .
Di voi non son più degna!"
Non m'ingannava dunque, o sciagurata! . . .

LINA
Tacer più non potea . . . tropo soffriva . . .

STANKAR
Ed ei? . . . Disperazione,
Morte per lui qui stanno.

LINA
Ciel!

STANKAR
Sì, morte . . .

LINA
Ah no, ch'ei viva, o Dio!
Ma ingannarlo dovrò? . . . No, nol poss'io!

STANKAR
Dite che il fallo a tergere
La forza non ha il core;
Che de' rimorsi il demone
Troppo vi fa terrore;
Dite ch' è men difficile
All'anima spergiura
Svelar la colpa impura
Che morte a lui darà .
Non basta a voi l'infamia,
Essere vil volete! . . .

LINA
Padre! . . .

STANKAR
Si, vil . . . ma uditemi.
Rodolfo salverete . . .
D'amore immeritevole,
Dovrete amor subire! . . .

LINA
No.

STANKAR
È d'uopo l'obbedire . . .

LINA
Mai!

STANKAR
Mai!

LINA
No, non sarà .

STANKAR
Ed io pure in faccia agli uomini
Dovrò l'ira soffocare,
La vergogna dovrò vincere,
Voi mia figlia ancor nomare;
Voi, l'indegna che disprezzo,
Voi, del padre disonore.

LINA
Oh qual fate orrendo strazio
D'una misera pentita!
Non vi dicon queste lagrime
Che troppo son punita?
Non volente fui nel lezzo
Trascinata dell'error.

STANKAR
Basti adesso, quel pianto tergete.

LINA
Ah nol posso!

STANKAR
Non più, lo dovete.

LINA
No, nol posso! . . .

STANKAR
E' di padre volere.

LINA
Non lo posso! . . .

STANKAR
È di sposa dovere;
Di Rodolfo lo esige la vita . . .

LINA
Tacerò.

STANKAR
Tempo è ben.

LINA
Chi m'aita!

STANKAR
Or meco venite, il pianto non vale;
Nessuno sospetti l'evento fatale:
Stia come in sepolcro celato l'errore,
Lo esige, lo impera del sangue l'onore.
A Müller del mondo l'amor fia salvato,
Se il vostro perdeva mutabile amor.

LINA
Orrenda parola! . . . per sempre perduto! . . .
Il pianto sì celi, il duolo sia muto;
Sorrida serena nel volto la calma,
Nasconda l'atroce procella dell'alma! . . .
Perduto! . . . perduto! . . . eppure adorato
Qual cosa celeste fu sempre dal cor! . . .

(Entrano alla sinistra. Raffaele dalla opposta parte,
Jorg fuori della finestra.)

RAFFAELE
M'evitan! . . . ma il colloquio
Avrò che qui le chiedo . . .
(traendo di tasca una lettera)
Ecco il libro . . . io n'ho la doppia chiave.

(Apre il libro, vi pone la lettera, lo chiude
e lo ripone sulla tavola, tenendo sempre
le spalle volte alla finestra.)

JORG
(Che vedo! . . .)

FEDERICO
(dalla sinistra)
Leuthold! . . .

RAFFAELE
Mi sì chiedeva?

FEDERICO
La Messiade di Klopstock voleva.

(Prende il libro che porta seco partendo
con Raffaele dalla sinistra. Jorg sì ritira.)

Scena II

Sala di ricevimento nel castello,
illuminata e parata per una festa.
(Amici di Stiffelio e del Conte vi giungono
colle loro spose introdotti da Servi.)

CORO
(Uomini)
Plaudiam! Di Stiffelio s'allegri il soggiorno,
Sì plauda al ritorno del grande pastor!

CORO
(Donne)
Concordi qui regnino la gioia, la pace,
Costante verace sorrida l'amor!

TUTTI
L'amor che diffondere ei vuoi tra mortali;
L'amor che fa eguali lo schiavo e il signor!
Plaudiamo, ed al cantico qual eco gioconda
L'affetto risponda che muove dal cor!

(Si ritirano sul fondo della scena, parlando fra loro.
Stiffelio e Jorg dalla destra; poi Lina al braccio di Stankar;
quindi dalla sinistra Raffaele con Dorotea, e Federico
che subito parlerà  con Lina, ed avrà  il Klopstock sotto il braccio.)

STIFFELIO
(a Jorg)
Tardasti?

JORG
Rifuggo da' guadii mondani.

STIFFELIO
Adunque tai feste? . . .

JORG
Le lascio ai profani,
Che arrecan perigli, insidie all'onore.

STIFFELIO
Che parli?

JORG
Ti dico che or ora un signore
Un libro con chiave guardingo schiudeva,
E in esso un biglietto . . .

STIFFELIO
Un biglietto!

JORG
Ascondeva
E aspetta risposta . . . Quel libro è stromento
Di tresca colpevole . . .

STIFFELIO
Oh cielo! Che sento!
Chi è desso?

JORG
È con Lina, ed ha il libro . . .

STIFFELIO
Fia vero?
È Frengel! . . . Ma come svelare il mistero!

JORG
Più tardi . . .

(Stiffelio resta concentrato.)

DOROTEA
Cugino, pensate al sermone?

FEDERICO
Al tempio stassera saravvi riunione.
Verremo.

CORO
Sì, tutti.

FEDERICO
Qual fia l'argomento?

STIFFELIO
Del perfido Giuda il vil tradimento.

LINA e RAFFAELE
(Oh cielo!)

FEDERICO
Pensiero sublime, stupendo.

CORO
A tutti i malvagi d'esempio tremendo.

STIFFELIO
Non solo all'iniquo ch'ha il Maestro venduto,
Ma a quanti tradiscon m'udrete imprecare
A lui che s'insinua, che simula astuto,
Che insidia, che macchia il domestico lare;
Che stende la mano all'uomo ingannato,
E infame poi vanta l'onore involato! . . .
A lui per anátema fia sol ch'io ripeta
Il carme ispirato del grande poeta . . .

(Prende il libro dalle mani di Federico.)

LINA
Ah!

STIFFELIO
È chiuso!

DOROTEA
Ne ha Lina la chiave.

LINA
(Gran Dio!)

STIFFELIO
Apritelo dunque . . .

LINA
Che dite?

STIFFELIO
Il voglio . . .

LINA
Io!

STIFFELIO
Aprite voi, lo replico,
È inutile il terrore.
D'un empio traditore qui la condanna sta.

TUTTI
Oh qual m'invade ed agita
Terrible pensiero!
Fatal, fatal mistero
Tal libro svelerà !

STIFFELIO
Nol volete? . . . farollo io stesso . . .
(Ne rompe il fermaglio e cade una lettera.)
Una lettera!

LINA
(Cielo!)

STANKAR
(a Stiffelio, raccogliendola)
Non v' è legger tal foglio concesso!
Chi lo scrisse, cui spetti ignorate!

STIFFELIO
Io nol curo . . . rendetelo . . . il vo' . . .

STANKAR
(con dignità )
Vecchio sono . . .

STIFFELIO
Rendetelo . . .

STANKAR
(Lo riduce in brani.)
No.

STIFFELIO
(a Stankar irato)
Chi ti salva, o sciagurato,
Dallo sdegno che m'accende?
Cieco l'ira già  mi rende,
Più non freno il mio furor!

LINA
(a Stiffelio frapponendosi)
È mio padre . . . l'ira vostra
Su me tutta or cada alfine;
Ma le nevi di quel crine
Rispettatele, signore.

STANKAR
(a Raffaele)
Nel recinto dei sepolcri
Da me atteso or or sarai;
Armi a scelta troverai . . .
Ti precedo, o traditor.

RAFFAELE
(a Stankar)
Freno all'ira; non la temo;
Se ch'io sia conoscete,
Sconsigliato invero siete
Nel gridarmi traditor.

TUTTI
(tra loro)
A turbar la bella calma
Che spirava in ogni petto,
Perchè un demone il sospetto
A Stiffelio pose in cor!

(Stiffelio e Jorg partono dalla destra;
Lina e Stankar dalla sinistra;
gli altri dal mezzo. Cala la tela.)





Atto II

 



Scena I.


Antico cimitero. Nel centro è una croce con gradini;
a sinistra la porta d'un tempio internamente illuminato,
a cui si ascende per grandiosa scalea;
a destra più in fondo vedesi il castello di Stankar;
la luna piove sua luce sulle sparse tombe ombreggiate da spessi cipressi;
tra queste una ve n'ha di recente.

LINA
(dal fondo agitatissima)
Oh cielo! . . . dove son io! . . .
Quale incognita possa qui mi trascina! . . .
Egli verrà ! . . . qui dove tutto è orrore! . . .
In ogni tomba sculto
In cifre spaventose
Il mio delitto io leggo! . . .
Il murmure d'ogn'aura mi par voce
Che un rimprovero tuoni!
(S'aggira barcollando tra i sepolcri.)
Ah di mia madre è questo il santo avello! . . .
Ella sì pura! . . . ed io! . . .
Madre! . . . madre, soccori al dolor mio.
Ah dagli scanni eterei,
Dove beata siedi,
Alla tua figlia volgiti,
L'affanno suo deh vedi;
Queste pentite lagrime
Offri all'Eterno trono,
E se i beati piangon,
Piangi tu pur con me.
Non vorrà  il suo perdono
Neigarmi Iddio per te.

RAFFAELE
(frettoloso)
Lina . . . Lina!

LINA
Parlate sommesso
Per pietade . . . mio padre è qui presso.
Indovina Rodolfo . . . sa tutto . . .

RAFFAELE
Federico sol reo ei sospetta;
Vostro padre la prova ha distrutto . . .

LINA
E il rimorso ch'eterno ne aspetta?

RAFFAELE
Non lo teme chi serve all'amore.

LINA
Fui sorpresa; non v'ama il mio core . . .

RAFFAELE
Cruda, sempre pur v'amo . . .

LINA
Il provate:
I miei scritti, l'anel mi ridate . . .
Di qua tosto partite . . . involatevi . . .

RAFFAELE
No, a difendervi qui resterò.

LINA
Perder dunque volete
Questa misera tradita! . . .
Se restate, la mia vita
Tutta in pianto scorrerà !
Maledetto non andrete
Dalla donna un di beata.
Chi rendeste sventurate
Benedirvi ancor saprà .

(Stankar comparisce dal fondo,
chiuso in un mantello; egli ha due spade.)

RAFFAELE
Io resto.

LINA
Allor Rodolfo saprà  tutto.

STANKAR
(entrando improvvisamente tra loro)
Ei tutto ignorerà  . . .

LINA
Padre!

STANKAR
Partite.

LINA
Ah, ne' vostr' occhi io leggo . . .

STANKAR
M'obbedite.

(Lina parte.)

STANKAR
(gettando il mantello
e presentandogli due spade)
Scegli . . .

RAFFAELE
Un duello?

STANKAR
Sì, mortale . . .

RAFFAELE
Ma la sorte non è eguale . . .

STANKAR
Tu ricusi! . . . al mondo in faccia
Vo' insultarti . . .

RAFFAELE
La minaccia
Io non curo . . . fia lodato
Chi avrà  un veglio rispettato . . .

STANKAR
Se' un fame . . . un vile indegno . . .
Nè ancor t'ecciti allo sdegno?
Spento è dunque in te l'onore? . . .

RAFFAELE
Paziente son, signore . . .

STANKAR
Oh mia rabbia! . . . Ebben ascolta . . .

RAFFAELE
Basti! . . .

STANKAR
M'odi anco una volta;
S'ora invano t'ha gridato
Vile, infame il labbro mio,
Fare a tutti disvelato
Chi tu sia saprò ben io.

RAFFAELE
Basti . . . Stankar! . . .

STANKAR
Venturiero,
Che t'avvolgi nel mistero . . .
Nobil conte Raffaele,
Tu non sei che un trovatello!

RAFFAELE
(furente)
Ah! Una spada! . . .

STANKAR
Grazie, o sorte!

(Presenta le spade a Raffaele che ne sceglie una.)

RAFFAELE
Una spada! . . . in guardia . . .

STANKAR
A morte.

TUTTI E DUE
(brandendo le spade)
Nessun demone, niun Dio,
A' miei colpi ti torrà .
Col tuo sangue il furor mio
L'onta infame tergerà .

(Si battono accanitamente.
Stiffelio dalla porta del tempio.)

STIFFELIO
Qual rumore! . . . Un duello! . . . Abbassate
Or quell'armi!

(Scende.)

RAFFAELE e STANKAR
Stiffelio! . . .

STIFFELIO
Voi siete!
Santo è il loco che sì profanate . . .
I sepolcri col piede premete,
Sopra il capo la croce vi sta!

STANKAR
(a Raffaele)
Vieni altrove . . .

STIFFELIO
Dio pur vi sarà .

STANKAR e RAFFAELE
Ne lasciate . . . un di noi dee morire . . .

STIFFELIO
Io saprovvi dovunque seguire.

STANKAR
Dimmi, scordi a chi parli?

STIFFELIO
Di Dio
Ora parlo nel nome . . . Acoltarmi
Solo spetta qui a voi. Giù quell'armi;
Sia l'offesa coperta d'oblio . . .
(a Stankar)
Il fratello perdoni ai fratello . . .

STANKAR
Mai . . .

STIFFELIO
Più giovin . . . tu pria, Raffaele . . .
La tua destra! . .

(Lo disarma e gli stringe la mano.)

STANKAR
(a Raffaele)
Oh eccesso inaudito!
La man stringi dell'uom ch'hai tradito!

STANKAR
Ah! . . . tradito! . . .

STANKAR
Che dissi!

STIFFELIO
(a Stankar)
Parlate?

STANKAR
No, lasciatemi . . .

STIFFELIO
Il vo' . . . terminate.

(Lina dal fondo.)

LINA
(Qui dell'armi!)

STIFFELIO
(a Stankar)
Sì sveli il mistero.

LINA
(inoltrandosì)
Oh ciel!

STANKAR e RAFFAELE
Lina!

STIFFELIO
Saprò alfine il vero.

LINA
Grazia! Grazia! Rodolfo!

STIFFELIO
Grazia!
(con voce soffocata)
Era dunque costui! . . .

STANKAR
Müller!

STIFFELIO
(con disperazione)
Ah! . . .
Era vero? . . . ah no! . . . è impossibile! . . .
(a tutti)
Che ho mentito, almeno dite . . .
(a Lina)
Un accento proferite . . .
Vi scolpate per pietade!
Ma tu taci! . . . È tolto il dubbio!
Il mio piè ti schiaccerà !

(Lina spaventata sì allontana da lui.)

LINA
(da sè)
(Ah scoppiata è omai la folgore
Che ruggia sulla mia testa,
E la vita che mi resta
Morte lenta a me sarà !
Dio, che padre sei de' miseri,
Non negarmi tua pietà !)

STANKAR
(a Raffaele)
Or da Dio con quelle lagrime
È il destino tuo già  scritto . . .
Reo tu sei di tal delitto
Che più inulto non andrà .
S'ora fu sospeso il fulmine,
Più tremendo poi cadà .

RAFFAELE
(a Stankar)
Pronto sono; che più tardasi?
Me tremante non vedrai;
Dal mio braccio apprenderai
S'io conosca la viltà .
Nuova pugna inevitabile
L'onor mio vendicherà .

STANKAR
(a Stiffelio)
Dessa non è, comprendilo,
Che devi ora punire . . .

STIFFELIO
(a Stankar)
Ah veggo chi è il colpevole!
Onor vi fe' brandire
Quel ferro a venicarmi . . .
Non più . . .
(a Raffaele strappando la spada
di mano a Stankar)
Riprendi l'armi!

RAFFAELE
Contro di voi! . . . Nol vo' . . .

STIFFELIO
Difenditi . . .

RAFFAELE
No . . . No.

STIFFELIO
Non odi in suon terribile
Girdarti queste tombe:
Trema, a punirti, o perfido,
L'ora fatal tuonò! . . .

CORO
(dall'interno del tempio)
Non punirmi, Signor, nel tuo furore,
O come nebbia al sol dileguerò!
Miserere di me, pietà  Signore.
Miserere, e tue glorie canterò.

(Jorg dal tempio)

JORG
(dalla soglia)
Stiffelio?

STIFFELIO
(Gli cade di mano la spada.)
Quale suono!

JORG
(raggiungendolo)
I tuoi fratelli sono . . .

STIFFELIO
Che von'?

JORG
Conforti chieggono . . .

STIFFELIO
Conforti! . . . Ah! . . .

JORG
Torna in te!

STIFFELIO
(come in delirio)
Me disperato abbruciano
Ira, infernal furore,
Tranquilli la man gelida
Voi mi gravate al core . . .
Ah fate prima ch'ardermi
Le vene cessi il sangue,
E la virtù che langue
Sarà  più forte in me! . . .
Lasciatemi, lasciatemi . . .
Tutto il mio cor perdè.

(S'ode nuovamente il coro
interno dal tempio.)

JORG
Non senti? . . .

LINA, STIFFELIO e STANKAR
Istante fiero!

JORG Solleva il tuo pensiero . . .
E chi sei tu rammentati!

STIFFELIO
(scosso)
Ah, sacerdote sono!
(s'inginocchia.)
Dio, a parlar loro ispirami.

TUTTI
(inginocchiandosi)
Di pace, di perdono!

STIFFELIO
Perdon! Giammai! La perfida . . .
(sorgendo impetuosamente)
Sia maledetta!

TUTTO
Oh cielo!
(Lina cade in ginocchio
al piè di Stiffelio.)

JORG
(sale sui gradini)
Da questa croce agli uomini
Ha Cristo perdonato . . .

STIFFELIO
(Va verso la croce, barcollando.)
La croce! Ahimè! Qual gelo!
Io . . . muoio!

(Cade sui gradini.)

TUTTI
Oh sventurato!

(Quadro e cade la tela.)





Atto III

 


Scena I

Anticamera che mette a vari appartamenti.
Sopra una tavola, due pistole e l'occorrente per iscrivere.

STANKAR
(entra agitato leggendo una lettera.)
Ei fugge! . . . e con tal foglio
Lina a seguirlo tenta! . . .
Infame! . . . egli s'invola a mia vendetta! . . .
O spada dell'onor che per tant'anni
Cingevi il fianco del guerriero antico
E nei cimenti a lui mietevi gloria,
Vanne lungi da me . . . più non ti merto . . .
(Si leva la spada e la getta.)
Disonorato io son! . . . disonorato!
E ch'è la vita mai senza l'onore?
È un'onta . . . ebben, sì tolga . . .
Sì, sì un istante, e tutto sia finito!
(Prende una pistola, poi si arresta.)
Ma lasciar tutto! . . . Stiffelio . . . la mia figlia! . . .
La mia colpevol figlia! . . . che! . . . una lagrima! . . .
Lagrima il ciglio d'un soldato! . . . Oh quanto
Sei tu grande, o dolor! . . . Mi strappi il pianto.
Lina, pensai che un angelo
In te mi desse il cielo,
Raggio d'amor purissimo
Degli anni miei sul gelo . . .
Stolto! . . . sognai! . . . Sparita è
La gioia di mia vita;
Un'innocente lagrima
Spirando non vedrò
Solo seguace al feretro
Il disonore avrò.
(Va sedere commosso e scrive. Jorg astratto.)
Ah sì finisca . . . Addio, Stiffelio . . .
Addio estremo . . .

(Suggella il foglio, poi prende una pistola e ne monta il cane.)

JORG
Ei qui verrà  . . .

STANKAR
(sorpreso, ascondendo l'arma)
Chi?

JORG
Voi! . . . Stiffelio cerco.

STANKAR
È inaccesso a tutti . . .

JORG
A me nol fia
Quando saprà  che Raffaele raggiunsi.

STANKAR
Che di'?

JORG
Ei verrà  tra poco . . .

(Entra nella stanza di Stiffelio.)

STANKAR
(solo)
Qui Leuthold! Qui verr` Leuthold!
In questo tetto uno di noi morrà !
Oh gioia inseprimibile,
Che questo core innondi,
È troppo, è troppo il palpito
Che in tutto me diffondi!
Convulsa provo un'estasi
Che quasi par deliro!
La voce ed il respiro
Mancar già  sento a me!
Vendetta! . . . Ah vieni, affrettati,
Rinascerò per te!

(Parte. Stiffelio e Jorg dalla camera.)

STIFFELIO
(a Jorg)
Dite ai fratei che al tempio
Lasciatemi . . .

JORG
(parte)
Egli viene . . .

(Stiffelio, Raffaele e Fritz a tempo.)

RAFFAELE
Ricercare mi feste?

STIFFELIO
Sì.

RAFFAELE
Prevedo qua
I rimbrotti . . .

RAFFAELE
Non m'opporrò a vendetta, se bramate . . .

RAFFAELE
Quale?

STIFFELIO
Che fareste, se pur libera fosse
Lina? . . .

RAFFAELE
Che dite!

STIFFELIO
Io chiedo! . . . Rispondete.

RAFFAELE
A impossibil supposto?

STIFFELIO
Fritz? . . .
(Fritz entra.)
S'avverta Lina, che qui l'attendo . . .

(Fritz parte.)

RAFFAELE
E che cercate?

STIFFELIO
Saper s' è a voi più cara
Colpevol libertade, o l'avvenire
Di donna che perdeste! . . .
Là  tutto udrete . . .

(Lo conduce in una stanza laterale.)

RAFFAELE
(entrando)
(Cielo!)

(Entra Lina)

STIFFELIO
Inevitabil fu questo colloquio
Prima di sperarci . . .

LINA
Che! . . . Partite? . . .

STIFFELIO
Sì . . . questa sera . . .

LINA
Voi! . . . Come?

STIFFELIO
Udite!
Opposto è il calle che in avvenire
La nostra vita dovrà  seguire . . .
Col guardo fisso soltanto in Dio
Vo' rassegnato correre il mio . . .
Voi, stretta all'uomo del vostro core,
Trarvi potrete dal disonore . . .

LINA
Che dite! . . .
Quando ci unimmo sposi,
Perchè dovunque perseguitato,
A tutti il vero mio nome ascosì;
Dal dritto sciogliere tal nodo è dato.
Quest'atto il frange . . .

LINA
Cielo, un divorzio! . . .

STIFFELIO
(presentando una carta)
A voi, segnatelo . . . firmato io l'ho.

LINA
Ah, fatal colpo attendermi,
Rodolfo, qui sapea! . . .
Ma degna di rimprovero
Almeno mi credea . . .
No . . . d'uno sprezzo acerrimo
Trovo sol qui l'orror! . . .
Schiacciatemi . . . uccidetemi . . .
Morrò per vostro amor!

STIFFELIO
(con amarezza)
Speraste che per lagrime
Scemasse il dolor mio! . . .
Che l'onta incancellabile
Coprissi alfin d'oblio! . . .
Che rassegnato accogliere
Potessi il disonor! . . .
Ah vivon quanto l'anima
Le offese dell'onor! . . .

LINA
A me quell'atto . . . Datelo.

(Glielo strappa dì mano e corre alla tavola.)

STIFFELIO
Firmate?

LINA
Sì.

STIFFELIO
(Che ascolto!)

LINA
Trama pensaste il piangere . . .
Ora tal dubbio è tolto . . .
(Firma.)
Entrambi siamo or liberi,
Tutto tra noi cessò.
(Gli rende la carta.)
Ora il potrete . . . Uditemi!

STIFFELIO
(per partire)
Non più, signora!

LINA
(trattenendolo)
Il vo'!
Non allo sposo volgomi,
Ma all'uom del Vangelo.
Ei fino dal patibolo
A' rei dischiude il cielo . . .
La donna più non supplica,
Qui la colpevol sta . . .

STIFFELIO
Lasciatemi . . . lasciatemi . . .

LINA
Ministro, confessatemi . . .

(Si getta ai suoi piedi.)

STIFFELIO
Voi! Voi! Che udrò?

LINA
Quanto Müller
Voluto udir non ha.
Egli un patto proponea
Ch'altrui moglie mi rendea,
Quasi al mondo, lui perduto,
Trovar pace avessi potuto;
Quasi a prezzo tal volessi
Racquistarmi ancor l'onore . . .
Quasi vivere io potessi
Discacciata dal suo core . . .

STIFFELIO
Basti! Basti!

LINA
D'altrui moglie!
Ah voi dunque non capite
L'amor mio! . . .

STIFFELIO
Amor! . . . che dite! . . .

LINA
V'amai sempre . . . sempre v'amo;
Testimonio Iddio ne chiamo . . .

STIFFELIO
Ma colui! . . .

LINA
Fu tradimento . . .

STIFFELIO
Vi tradiva! . . .

LINA
Sì . . .

STIFFELIO
Fia spento . . .
Io n'ho il dritto . . .

LINA
Ciel! . . .

STIFFELIO
È là .

(Stankar con una spada insanguinata alla mano
e Jorg da opposte parti.)

STANKAR
Non v' è più.

LINA
Che!

JORG
Un'uccisione?

STIFFELIO
Un duello?

STANKAR
Un'espiazione . . .
Chi poteva il disonore
Rivelar, estinto è già .

(Parte.)

JORG
(a Stiffelio)
Vieni al tempio del Signore,
Virtù nuova avrai colà .

STIFFELIO
Ah sì, voliamo al tempio,
Fuggiam le inique porte,
Delitto solo e morte
Qui l'uomo vi stampò.
Ai seduttori esempio
Rimanga questo tetto . . .
Iddio l'ha maledetto,
D'infamia il fulminò.

LINA
A dunque non v'ha in terra
Conforto al mio dolore! . . .
D'involontario errore
Perdono non avrò!
Clemente Iddio disserra
Di tua pietà  il tesoro,
Col palpito t'imploro
D'un cor che non peccò!

(Stiffelio è tratto altrove da Jorg.
Lina si ritira in una stanza.)

Scena II

Interno d'un tempio gotico sostenuto da grandi arcate.
Non sì vedrà  alcun altare; solamente, appoggiata ad una colonna,
è una cattedra, a cui si ascende per doppia gradinata.

Il popolo entra a poco a poco.
Federico e Dorotea entreranno poco più tardi.
Poi Lina, coperta d'un velo, va presso la cattedra a destra;
finalmente Stankar a sinistra.
Tutti s'inginocchiano e pregano accompagnati dall'organo.

CORO, DOROTEA, FEDERICO
Non punirmi, signor, nel tuo furore,
O come nebbia al sol dileguerò!
Miserere di me, pietà , Signore,
Miserere, e tue glorie canterò.

STANKAR
Se punii chi m'ha tradito
Nell'onor ch' è tuo dono,
Come a Davide pentito,
Dio, concedimi il perdono.

LINA
Confido in Te,
Signor, pietà 
Non nieghi a me
La tua bontà .

(Stiffelio e Jorg dalla destra. Sono coperti di nera e lungi cappa.
Stiffelio è concentrato; porta un gran libro.)

JORG
Stiffelio?

STIFFELIO
(riavendosì da un'astrazioine)
Eccomi . . .

LINA
(Udirlo ancor potrò!)

STIFFELIO
(passandole vicino)
(Qual donna!)

LINA
(Non mi connobe!)

STIFFELIO
(a Jorg)
Qui restate.

JORG
(piano tra loro)
L'alma afforza
Speran tutti in te.

(Lina alza il velo.)

STIFFELIO
(scorgendo Lina)
Ciel!

JORG
Ch'hai?

STIFFELIO
Dessa! . . .

JORG
Pensa ove sei! . . . coraggio! . . .

STIFFELIO
Ah sì! . . .
Ma confusa ho la mente
Ed il pensier mi sfugge . . .

JORG
Il libro santo schiudi,
T'ispierà  il Signore . . .

STIFFELIO
Dicesti ben . . .

JORG
Fa cor.

(Salgono alla cattedra per la scala a sinistra.)

STIFFELIO
(Molto agitato apre il libro
e con voce tremante vi legge.)
"Allor Gesù rivolto
Al popolo assembrato
Mostrò l'adultera
Ch'era a suoi piedi e così disse:

LINA
(Oh, ciel!)

(Cade sui gradini della scala a destra.)

STIFFELIO
'Quegli di voi che non peccò
La prima pietra scagli.'

JORG
(piano a Stiffelio)
Che parli?

LINA
(con dolore)
(E non finisce?)

STIFFELIO
(guardando Lina)
E la donna, la donna
Perdonata s'alzò."

(Lina sale coi ginocchi la scala.)

LINA
Gran Dio!

JORG
Che fai, Stiffelio?

STIFFELIO
"Perdonata, perdonata."
(Lina cade sull'ultimo gradino
a piè di Stiffelio.)
Iddio lo pronunziò.

(ponendo la mano sul libro)

CORO
(Tutti ripetono.)
"Perdonata! Perdonata!" Iddio lo pronunziò.

(Lina si alza da terra
e colle mani alzate grida.)

LINA
Gran Dio!




F i n e