New: Save your favorite arias, videos and singers!
Tell me more - Check it later - Not interested

Ecco l'orrido campo ove s'accoppia

Opera details:

Opera title:

Un Ballo in maschera

Composer:

Giuseppe Verdi

Language:

Italian

Synopsis:

Un Ballo in maschera Synopsis

Libretto:

Un Ballo in maschera Libretto

Translation(s):

English Deutsch

Aria details:

Type:

aria

Role(s):

Amelia

Voice(s):

Soprano

Act:

2.02

Previous scene: Intermezzo 2
Next scene: Ma dall'arido stelo divulsa

G.Verdi A Masked Ball Pt5 Daniza Ilitsch Jan Peerce "Ecco l'orrido...Ma dall'arido...Teco io sto"

Singer: Jan Peerce

G.Verdi A Masked Ball Pt5 Daniza Ilitsch Jan Peerce "Ecco l'orrido campo...Ma dall'arido stelo...Teco io sto"

G.Verdi A Masked Ball
Pt5
Ecco l'orrido campo ove s'accoppia
Ma dall'arido stelo divulsa
Teco io sto
Ahimè! S'appressa alcun!

Opera artists and some pictures for this video
Daniza Ilitsch
Jan Peerce

Giuseppe Verdi
Un Ballo in Maschera
(A Masked Ball)
Amelia--Daniza Ilitsch
Riccardo--Jan Peerce
Renato--Leonard Warren
Oscar--Pierrette Alarie
Ulrica--Margaret Harshaw
Samuel--Giacomo Vaghi
Tom--Lorenzo Alvary
Silvano--John Baker
Il Giudice--Leslie Chabay
Un Servo--Lodovico Oliviero
Metropolitan Opera/Giuseppe Antonicelli
1947.

an operbathosa video

AMELIA:
Ecco l'orrido campo ove s'accoppia
Al delitto la morte!
Ecco là le colonne . . .
La pianta è là, verdeggia al piè. S'inoltri,
Ah, mi si aggela il core!
Sino il rumor de' passi miei, qui tutto
M'empie di raccapriccio e di terrore!
E se perir dovessi?
Perire! ebben, tal è, s'adempia, e sia.
(Fa per avviarsi)
Ma dall'arido stelo divulsa
Come avrò di mia mano quell'erba,
E che dentro la mente conulsa
Quell'eterea sembianza morrà,
Che ti resta, perduto l'amor . . .
Che ti resta, mio povero cor!
Ah! chi piange, qual forza m'arretra?
M'attraversa la squallida via?
Su, corraggio . . . e tu fatti di pietra,
Non tradirmi, dal pianto ristà;
O finisci di battere e muor,
T'annienta, mio povero cor!
(S'ode un tocco d'ore)
Mezzanotte! - Ah, che veggio? una testa
Di sotterra si leva . . . e sospira!
Ha negli occhi il baleno dell'ira
E m'affisa e terribile sta!
(Cade in ginocchio)
Deh! mi reggi, m'aita, o Signor,
Miserere d'un povero cor!

GUSTAVO: (uscendo improvvisamente)
Teco io sto.

AMELIA:
Gran Dio!

GUSTAVO:
Ti calma!

AMELIA:
Ah!

GUSTAVO:
Di che temi?

AMELIA:
Ah, mi lasciate . . .
Son la vittima che geme . . .
Il mio nome almen salvate . . .
O lo strazio ed il rossore
La mia vita abbatterà.

GUSTAVO:
Io lasciarti? No, giammai;
Nol poss'io; che' m'arde in petto
Immortal di te l'affetto.

AMELIA:
Ah, Signor, abbiatemi pietà.

GUSTAVO:
Così parli a chi t'adora?
Pietà chiedi, e tremi ancora?
Il tuo nome intemerato,
L'onor tuo sempre sarà.

AMELIA:
Ma, Gustavo, io son d'altrui . . .
Dell'amico più fidato . . .

GUSTAVO:
Taci, Amelia . . .

AMELIA:
Io son di lui,
Che darìa la vita a te.

GUSTAVO:
Ah crudele, e mel rammemori,
Lo ripeti innanzi a me!
Non sai tu che se l'anima mia
Il rimorso dilacera e rode,
Quel suo grido non cura, non ode,
Sin che l'empie di fremiti amor? . . .
Non sai tu che di te resterìa,
Se cessasse di battere il cor!
Quante notti ho vegliato anelante!
Come a lungo infelice lottai!
Quante volte dal cielo implorai
La pietà, che tu chiedi da me!
Ma per questo ho potuto un instante,
Infelice, non viver di te?
Libretto:

Watch videos with other singers performing Ecco l'orrido campo ove s'accoppia:

Libretto/Lyrics/Text/Testo:

AMELIA
Ecco l'orrido campo ove s'accoppia
Al delitto la morte!
Ecco là le colonne . . .
La pianta è là, verdeggia al piè. S'inoltri,
Ah, mi si aggela il core!
Sino il rumor de' passi miei, qui tutto
M'empie di raccapriccio e di terrore!
E se perir dovessi?
Perire! ebben, tal è, s'adempia, e sia.
 
Ma dall'arido stelo divulsa
Come avrò di mia mano quell'erba,
E che dentro la mente convulsa
Quell'eterea sembianza morrà,
Che ti resta, perduto l'amor?
Che ti resta, mio povero cor!
 
Ah! chi piange, qual forza m'arretra,
M'attraversa la squallida via?
Su, corraggio . . . e tu fatti di pietra,
Non tradirmi, dal pianto ristà;
O finisci di battere e muor,
T'annienta, mio povero cor!
Mezzanotte! - Ah, che veggio? una testa
Di sotterra si leva . . . e sospira!
Ha negli occhi il baleno dell'ira
E m'affisa e terribile sta!
Deh! mi reggi, m'aita, o Signor,
Miserere d'un povero cor!

English Libretto or Translation:

AMELIA
Here is the horrible field, where are brought together
crimes and death!
There are the pillars (gallows)
the plants are there, growing at the foot. Approach!
Ah, my heart freezes!
Even the noise of my footsteps, here where everything
fills me with dread and with fear!
And if I should perish?
Perish! Then, if it is to be so, let it happen and so be it!
 
But when from the dry stem
I have picked the herb with my (own) hand,
and when inside my frantic mind
the cherished image will be dead,
what will be left for you, having lost love?
What remains for you, my poor heart?
 
Oh, who weeps, what force holds me back,
barring me from this horrendous path?
Courage, now ... and turn yourself into stone.
Do not betray me, withhold your tears,
Or stop beating and die,
destroy yourself, my poor heart!
Midnight! Ah, what do I see? A head
of a buried person raises! and sighs!
He has in his eyes the regard of anger,
and fixes on me and is terrible!
Support me, aid me, o Lord!
Mercy on a poor heart!
 
 
Translation by: Marc Verzatt