Eri tu che macchiavi quell'anima

Opera details:

Opera title:

Un Ballo in maschera

Composer:

Giuseppe Verdi

Language:

Italian

Synopsis:

Un Ballo in maschera Synopsis

Libretto:

Un Ballo in maschera Libretto

Translation(s):

English Deutsch

Aria details:

Type:

aria

Role(s):

Renato

Voice(s):

Baritone

Act:

3.04

Previous scene: Alzati la tuo figlio
Next scene: Siam soli Udite

Baritono RICCARDO STRACCIARI - Un ballo in maschera "Eri tu" (1917)

Singer: Riccardo Stracciari

Giuseppe Verdi - UN BALLO IN MASCHERA “Eri tu che macchiavi quell’anima...” - disco acustico Columbia New York - numero di matrice 49221-2 / numero di catalogo 68046 D - data dell’incisione 28 maggio 1917.
Baritono italiano RICCARDO STRACCIARI (Casalecchio di Reno, Bologna 26 giugno 1875 – Roma 10 ottobre 1955)

Studia canto al Liceo Musicale di Bologna sotto la guida di Ulisse Masetti.
Debutta nel dicembre del 1898 al Teatro Pagliano di Firenze sostituendo il famoso baritono di Lussinpiccolo Giuseppe Kaschmann nella parte di Cristo In “La risurrezione di Cristo” di Lorenzo Perosi. Fa il suo primo debutto in un’opera il 21 dicembre 1898 al Teatro Duse di Bologna in “La bohème” (Marcello) a fianco di Amedeo Bassi
Nella stagione 1900-01 debutta al Teatro De São Carlos di Lisbona come Nélusko in “L’Africana” di Giacomo Meyerbeer.
Inizia qui la sua inarrestabile ascesa.
Nella stagione 1904/05 debutta al Teatro alla Scala di Milano come Amonasro in “Aida” con Celestina Boninsegna quale protagonista ed Emilio De Marchi quale Radames, direttore Cleofonte Campanini; in questa stagione e nella successiva (1905/06) si esibirà inoltre in “Wally”, “Loreley”, “Dama di Picche”, “Traviata” (con Rosina Storchio e Leonid Sobinov) e “Risurrezione” di Alfano.
Nel 1905 debutta al Royal Opera House Covent Garden di Londra come Amonasro in “Aida”.
Il primo dicembre 1906 debutta al Metropolitan di New York in “Traviata” dove Violetta era Marcella Sembrich e Alfredo Enrico Caruso.
Il 24 gennaio 1909 al Théâtre de l'Opéra di Parigi partecipa a un “revival” dell’opera “La Vestale” di Gaspare Spontini (Cinna) con la direzione di Edoardo Vitale e quale protagonista Ester Mazzoleni.
Canta per molte stagioni in Spagna, Uruguay, Argentina, Francia, Cuba, Germania, Messico, Russia, ecc.
Si ritira ufficialmente dalle scene nel 1937.
Canterà tuttavia saltuariamente ancora qualche recita fino al 1944, dove interpretò per l'ultima volta, a Como, Germont in ”La Traviata”.
Alla fine della carriera si dedicherà all'insegnamento. Suoi allievi, tra gli altri, Boris Christoff, Alexander Svéd, Paolo Silveri e Giulio Fioravanti.
Voce imponente, calda e omogenea, di colore nobile, dotata di estrema facilità nell'uso del registro acuto e delle “mezze voci”.
Muore a Roma il 10 ottobre 1955.

Watch videos with other singers performing Eri tu che macchiavi quell'anima:

Libretto/Lyrics/Text/Testo:

Renato
[lasciato il ferro, additandole, senza guardarla, un uscio]
Alzati, là tuo figlio
A te concedo riveder. Nell'ombra
E nel silenzio, là,
Il tuo rossore e l'onta mia nascondi.
[Amelia esce]
Non è su lei, nel suo
Fragile petto che colpir degg'io.
Altro, ben altro sangue a terger dèssi
L'offesa!... [fissando il ritratto] Il sangue tuo!
- Nè tarderà il mio ferro
Tutto a versarlo dal tuo falso core:
Delle lacrime mio vendicatore!

Eri tu che macchiavi quell'anima,
La delzia dell'anima mia...
Che m'affidi e d'un tratto esecrabile
L'universo avveleni per me!
Traditor! che in tal guisa rimuneri
Dell'amico tuo primo la fè!
O dolcezze perdute! O memorie
D'un amplesso che mai non s'oblia!...
Quando Amelia sì bella, sì candida
Sul mio seno brillava d'amor!...
È finita - non siede che l'odio,
E la morte sul vedovo cor!
 

English Libretto or Translation:

Renato
[left the iron, pointing to it, without looking at it, a doorway]

Stand up, there your son
I'll see you again. In the shadows
And in the silence, there,
Your redness and my shame hide.
[Amelia exits]
It's not about her, in her
Fragile chest that hit me.
Other, quite another blood to terger
The offense! ... [staring at the picture] Your blood!
- My iron will not be late
Everything to pour it from your false core:
My avenger's tears!

And it is you who caressed that soul,
The delight of my soul ...
What you trust and suddenly execrable
The universe poisons for me!
Traitor! that in this way they will regain
Of your first friend, the fè!
Or lost sweets! Or memories
Of an embrace that never gets away! ...
When Amelia is so beautiful, so candid
On my breast shone with love! ...
It's over - it does not sit that hate,
And death on the widower cor!
 



This is a partly automated translation. Please help us with corrections or provide us with a complete new translation. We will gladly mention the translator. Contact

Sheetmusic in our database with this aria

Operatic Anthology: BaritoneAnthology of Italian Opera: BaritoneCantolopera: Arias for Baritone Volume 1Titta RuffoVerdi: Arias for Baritone